Efficiente e sostenibile, la stalla del 2030 nell’identikit del Crpa

Come sarà la stalla da latte del 2030? Il panorama produttivo lattiero del futuro avrà una ossatura importante, costituita da imprese famigliari. È questa la sorpresa. Certo, il calo progressivo che ha caratterizzato la zootecnia di questi anni – con una flessione intorno al 20 per cento in dieci anni – proseguirà, così come la concentrazione di capi in stalla. Però, il nucleo delle imprese a conduzione famigliare resisterà, a patto ovviamente che si applichino le nuove tecnologie (edifici zootecnici, robot e giostre per la mungitura, sistemi automatici per l’alimentazione). Fra le realtà modello per l’applicazione delle innovazione, Israele e Olanda costituiscono un po’ il faro nel segmento lattiero.
Contemporaneamente, l’azienda da latte del futuro dovrà essere in grado di migliorare la gestione, ottimizzando i costi (compresi quelli energetici), le risorse e il benessere animale, da intendersi come risorsa, piuttosto che un onere. Molto importante la capacità degli allevatori di organizzarsi per gestire nel modo più vantaggioso il mercato del latte.
È questo l’identikit tracciato dal CRPA – Centro ricerche produzioni animali di Reggio Emilia, coordinatore del progetto «Innova Latte 2010» (www.innovalatte2030.it), finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e da Interpulse, nel corso di un convegno molto seguito a Fieragricola, 110ª rassegna internazionale dell’agricoltura, in programma a Veronafiere fino a domenica (www.fieragricola.it).
La competitività, dunque, non esclude – ma al contrario valorizza – l’impresa famigliare. Quello che è importante, oggi come fra 18 anni, è riuscire a rimanere sul mercato. Le dimensioni, pertanto, sono relative.
Una stalla da 100mila bovine in mungitura. Sembra fantascienza, eppure è una panoramica del mondo del latte nell’anno 2012. Possono suonare come curiosità, eppure sono istantanee provenienti da tutto il mondo. Come la stalla con 100mila vacche in mungitura, esempio di gigantismo ma non di efficienza, attiva in Arabia Saudita, o il sistema di mungitura in alta quota, adottato sulle Ande dagli agricoltori peruviani. Efficienza non sempre è sinonimo di grandi dimensione, come appunto si è visto. Un esempio è il particolare sistema «cooperativistico» di movimentazione del latte, del quale si servono gli allevatori in Nigeria. Altroché Paesi in via di sviluppo…

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.