Efsa, rischio diffusione parassita api, restino restrizioni

arnie_primavera_raccolto_acaciaIl piccolo scarabeo dell’alveare (Shb), un parassita che attacca api mellifere, bombi e api senza pungiglione, presente in Calabria e Sicilia, potrebbe sopravvivere in tutti gli Stati membri e diffondersi rapidamente su grandi distanze, nel caso in cui gli alveari infestati venissero spostati. É quanto rileva un parere dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare, che raccomanda quindi all’Italia e all’Ue di mantenere le restrizioni, attualmente in vigore fino a marzo del 2017, “sullo spostamento di api da miele, bombi e materie prime da zone infestate a zone indenni, onde evitare che il parassita si diffonda ulteriormente nell’Ue”. Secondo i modelli matematici elaborati dagli esperti di salute animale, ci vorrebbero oltre 100 anni al piccolo flagello per spostarsi naturalmente dalla Calabria in Abruzzo (circa 250 km). Lo spostamento degli alveari infestati, invece accelererebbe il processo in modo notevole. Oltre ad una serie di precauzioni, Efsa raccomanda gli apicoltori di tenere un registro dei movimenti dei loro alveari, per agevolare eventuali indagini sui focolai d’infezione. L’Italia ha già adottato misure livello a regionale e nazionale per contenere, indagare ed eventualmente eradicare l’SHB. La Commissione europea ha inoltre già imposto restrizioni sugli scambi commerciali all’interno dell’Unione dei 28: in particolare le colonie e le api regine non devono lasciare le zone soggette a restrizioni, in Calabria e Sicilia. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.