Embargo Russia: primi carichi di frutta bloccati a Modena e Ferrara

Susine ppI primi effetti dell’embargo imposto dalla Russia ai prodotti agroalimentari italiani si sono avuti con la rescissione dei contratti di due cooperative ortofrutticole, una di Modena e una di Ferrara, per l’esportazione di frutta nell’ex impero sovietico, avvenuta poche ore dopo l’approvazione dell’elenco dei prodotti banditi da parte del Consiglio dei Ministri, dopo che il presidente Vladimir Putin aveva firmato il decreto. Lo rende noto con preoccupazione la Coldiretti nell’evidenziare i primi effetti della decisione della Russia di limitare o bloccare con decreto anche per un anno le importazioni agricole dai paesi che hanno adottato sanzioni contro Mosca in risposta al conflitto in Ucraina, con una lista di prodotti che comprende carne di manzo e maiale, pollo, pesce e frutti di mare, latte e latticini, frutta e verdura provenienti da Ue, Usa, Norvegia, Australia e Canada, con l’esclusione di alcolici e di prodotti per bambini.
Le esportazioni di prodotti agroalimentari italiani in Russia nonostante le tensioni sono aumentate ancora dell’uno per cento nel primo quadrimestre del 2014 dopo che lo scorso anno – sottolinea la Coldiretti – avevano raggiunto la cifra record di 706 milioni di euro messi ora a rischio dall’annuncio di sanzioni. Oltre il 16 per cento del valore delle esportazioni agroalimentari italiane è rappresentato da vini e spumanti che – precisa la Coldiretti – dovrebbero però essere al riparo dalla scure di Vladimir Putin insieme ai prodotti per l’infanzia. A rischio però – precisa la Coldiretti – ci sono spedizioni di ortofrutta per un importo di 72 milioni di euro nel 2013, le carni per 61 milioni di euro, latte, formaggi e derivati per 45 milioni di euro mentre è ancora incerta la situazione della pasta esportata nel 2013 per un valore di 50 milioni di euro ma in aumento del 20 per cento nel primo quadrimestre, secondo le analisi Coldiretti su dati Istat. Ai danni diretti per il Made in Italy agroalimentare stimabili dalla Coldiretti in centinaia di milioni di euro all’anno si sommano quelli indiretti con l’Italia che potrebbe diventare mercato di sbocco di quei prodotti comunitari ed extracomunitari ora rifiutati dalla Russia. Una anticipazione si è vista nella cosiddetta “guerra dei prosciutti” con la Russia che – ricorda la Coldiretti – ha già chiuso le frontiere a tutto l’export europeo di maiali, carni di maiale e trasformati in violazione delle regole sugli scambi alla Wto di cui è membro dal 2012 prendendo a pretesto la scoperta a fine gennaio, di casi di peste suina africana in alcuni cinghiali in Lituania e Polonia, in zone di frontiera con la Bielorussia. Un atto unilaterale che ha portato lo scorso aprile 2014 – sostiene la Coldiretti – alla positiva decisione dell’Unione Europea di rivolgersi all’Organizzazione mondiale del commercio (Wto), dopo che le discussioni bilaterali Bruxelles-Mosca non hanno dato risultati. Per l’Italia oltre al danno diretto dovuto alle mancate esportazioni si sta verificato un danno indiretto perché i maiali tedeschi che normalmente vengono spediti in Russia ora arrivano in Italia con danni per gli allevatori ma anche per i consumatori perché carne e derivati del maiale vengono spesso spacciati come Made in Italy perché – continua la Coldiretti – non è obbligatorio indicare la provenienza in etichetta. “Ora siamo di fronte ad una preoccupante escalation dello scontro con una guerra commerciale che conferma la strategicita’ del cibo soprattutto nei periodi di recessione economica”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “la Russia colpisce l’agroalimentare perchè sanno che è un elemento di crescita per l’Unione Europea in un momento di stagnazione”. Lo dimostra il fatto – conclude Moncalvo – che le esportazioni agroalimentari Made in Italy nonostante la crisi sono cresciute del 5 per cento nel 2013 raggiungendo il valore record di 34 miliardi di euro.

IN EMILIA ROMAGNA SANZIONI RUSSIA COLPISCONO 108 MLN/€ EXPORT AGROALIMENTARE

La decisione della Russia di limitare o bloccare le importazioni agroalimentari dai Paesi che hanno adottato sanzioni contro Mosca a causa del conflitto con l’Ucraina rischia di avere pesanti ripercussioni anche sull’Emilia Romagna che esporta verso il più grande dei Paesi dell’Est circa il 2% dei 5,4 miliardi di euro dei prodotti agro-alimentari che prendono la strada dell’esportazione.
È quanto afferma Coldiretti Emilia Romagna, che ricorda come le esportazioni verso la Russia sono in calo già dall’inizio dell’anno, anche a causa della decisione russa di chiudere le frontiere a tutto l’export europeo di maiali, carni di maiale e trasformati in violazione delle regole sugli scambi alla Wto di cui è membro dal 2012 prendendo a pretesto la scoperta a fine gennaio, di casi di peste suina africana in alcuni cinghiali in Lituania e Polonia, in zone di frontiera con la Bielorussia.
In attesa che il governo russo nel prossimo futuro stili la lista con i prodotti ed i Paesi oggetto delle sanzioni, in Emilia Romagna, secondo Coldiretti, ci sono già le prime ripercussioni, sulla frutta fresca, in particolare le pere che l’Emilia Romagna esporta per 50 mila quintali proprio in Russia.
Anche se non si tratta di cifre eclatanti – afferma Coldiretti Emilia Romagna – la crisi con Mosca cade nel pieno di un difficile momento dell’ortofrutta italiana costretta a fronteggiare una stagione anomala, che ha provocato da un lato il sovrapporsi di periodi di produzione dall’altro un calo dei consumi. Proprio in un momento dove la qualità del prodotto da il meglio delle sue caratteristiche, tutte queste notizie portano ad una strumentalizzazione a fini commerciali tesi ad abbassare il prezzo, con gravi problemi per i produttori agricoli che vengono remunerati con prezzi al di sotto dei costi di produzione, con la conseguenza di vedersi erodere il reddito delle loro imprese, mettendo a rischio un intero anno di lavoro.

Un Commento in “Embargo Russia: primi carichi di frutta bloccati a Modena e Ferrara”

  • gigo scritto il 11 agosto 2014 pmlunedìMondayEurope/Rome 19:33

    certamente ora si apriro un mercato americano per tutti questi prodotti 3e sara sicuramete Marchionne a pensarci……………………..meditate gente meditate

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.