Emilia Romagna: dal 18 luglio stato di pericolosità per gli incendi boschivi

A partire dal 18 luglio entra in vigore lo stato di grave pericolosità per gli incendi di bosco in Emilia-Romagna. Lo stabilisce la determina del direttore dell’Agenzia di protezione civile Demetrio Egidi, emanata d’intesa con la direzione regionale dei Vigili del fuoco e il Comando regionale del Corpo forestale dello Stato, sulla base delle previsioni meteo del centro funzionale ARPA. Fino al 28 agosto, squadre del Corpo forestale dello Stato, dei Vigili del fuoco e del volontariato di protezione civile sono impegnate su tutto il territorio regionale in attività di spegnimento incendi, prevenzione, avvistamento, in modo integrato, coordinate dalla Agenzia regionale di protezione civile tramite la Sala Operativa Unificata permanente (SOUP); in supporto opereranno funzionari delle Prefetture, delle Province, dei Comuni e delle Comunità montane.
La task force regionale antincendi boschivi è uno dei servizi qualificanti del sistema regionale di protezione civile, che ha messo a punto un modello di intervento basato su procedure e azioni coordinate, in applicazione del “Piano di previsione, prevenzione e lotta attiva agli incendi di bosco 2007-2011”.
Il Corpo forestale dello Stato mette a disposizione un elicottero “AB 412”, dislocato presso l’Aeroporto di Rimini, due Nuclei operativi specializzati per le attività di spegnimento sulla costa di Ravenna e Ferrara e in media 45 pattuglie al giorno sul territorio regionale per attività di avvistamento, prevenzione, repressione e primo intervento; assicura, in caso di incendio boschivo, la presenza di un direttore delle operazioni di spegnimento cui spetta il compito di dirigere l’intervento dei mezzi aerei e delle squadre a terra. La direzione regionale dei Vigili del fuoco attiva 9 squadre appositamente dedicate all’antincendio boschivo, una per provincia, composte da cinque unità, un capo reparto o capo squadra e ha a disposizione due elicotteri, un “AB 206” e un “AB 412”. La Protezione civile regionale ha organizzato sul territorio regionale 62 squadre di volontari appartenenti ai nove coordinamenti provinciali impegnati in operazioni di avvistamento, spegnimento e bonifica, a supporto delle squadre del Corpo forestale dello Stato e dei vigili del fuoco. Le Province coordinano le strutture operative attraverso protocolli di intesa che definiscono procedure operative e forniscono indicazioni per organizzare gli interventi delle forze in campo.
L’Agenzia regionale di protezione civile ha attivato sin dall’inizio dello stato di attenzione, lo scorso 1 luglio, la Sala Operativa Unificata Permanente (SOUP), composta oltre che da funzionari esperti della protezione civile regionale, da personale dei Vigili del fuoco, del Corpo forestale dello Stato e del volontariato, operativa tutti i giorni dalle ore 8.00 alle ore 20.00, ed in orario notturno con servizio di reperibilità. La SOUP svolge azione di monitoraggio, raccordando le informazioni sul territorio e in caso di incendi estesi mobilita uomini e mezzi spostando se occorre squadre da una Provincia all’altra.In caso di necessità, viene richiesta l’attivazione dei mezzi aerei della Protezione civile nazionale dedicati allo spegnimento degli incendi di bosco.
Il termine del 28 agosto fissato per lo stato di pericolosità può essere prorogato o revocato a seconda delle condizioni meteorologiche, in accordo con ARPA.

CHE COSA RISCHIA CHI PROVOCA UN INCENDIO
Durante il periodo di grave pericolosità vige, all’interno delle aree forestali, il divieto qualsiasi strumento che produca fiamme, scintille o braci, come ad esempio i barbecue o i fornelli a gas. Inoltre è vietato accendere fuochi a meno di 200 mt da aree forestali o pascoli e bruciare stoppie. Chi non rispetta i divieti rischia sanzioni fino a 10 mila euro. Sotto il profilo penale (oltre al risarcimento per i danni causati) è prevista la reclusione da 4 a 10 anni, se l’incendio è doloso; la reclusione da 1 a 5 anni, se l’incendio è colposo, cioè causato in maniera involontaria, per negligenza, imprudenza o imperizia. Presso ogni Comando provinciale è presente almeno una squadra specializzata per le indagini sulle cause degli incendi boschivi che recupera reperti utilizzando tecniche proprie della polizia scientifica.

NUMERI UTILI
Se avvistano un incendio, i cittadini possono chiamare:
1515: pronto intervento del Corpo forestale
115: Pronto intervento vigili del fuoco
800 841 051: numero verde regionale
800 333 911: numero verde Agenzia regionale protezione civile

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.