Energia: +5% Pil agricoltura dallo sviluppo del biometano italiano

Una fonte strategica per lo sviluppo della politica energetica nazionale, ma anche una opportunità di reddito integrativa per le imprese agricole, in grado di produrre una crescita del 5% del Pil agricolo. Non basta: lo sviluppo di una filiera tutta “made in Italy” favorirebbe l’occupazione, abbasserebbe i costi della bolletta energetica e dei carburanti, ridurrebbe le emissioni di anidride carbonica. Sono notevoli, secondo il “Position Paper per lo sviluppo della filiera del biometano”, presentato oggi a Roma presso la sede del Cra, le potenzialità di questa fonte energetica pulita. Il documento è risultato del Gruppo di Lavoro sul Biometano, coordinato dal Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione (Cib), cui aderiscono Agroenergia Confagricoltura, Aiel-Cia, Asssogasmetano, Ngv System Italia, Cogena, Crps, Itabia, con la partecipazione di Kyoto Club. “Il biometano fatto bene”, cioè realizzato attraverso l’utilizzo di biomasse di integrazione (colture di secondo raccolto, sottoprodotti agricoli, effluenti zootecnici, sottoprodotti delle agroindustrie, colture non alimentari) e da terreni destinati al seat aside (si stima siano 400 mila ettari in Italia), potrebbe portare le imprese agricole italiane a produrre entro il 2030 8 miliardi di metri cubi di biometano, equivalenti alla produzione italiana attuale di gas naturale o alla produzione del rigassificatore di Rovigo. Non basta: il solo utilizzo di biomasse di integrazione porterebbe a un incremento della Plv agricola di oltre 2 miliardi di euro l’anno, pari al 5% del Pil agricolo attuale. Il tutto si tradurrebbe inoltre in un risparmio di 5 miliardi di euro l’anno sull’importazione di energia. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.