Energie rinnovabili: nel 2011 Ue al 13%. Italia all’11,5%

eoliche paleNel 2011 il 13% dei consumi di energia nell’Unione europea sono stati soddisfatti da fonti verdi, rispetto al 7,9% del 2004 e ad un obiettivo complessivo del 20% del 2020. Questa la fotografia scattata da Eurostat, che nello stesso anno vede l’Italia a quota 11,5%. Nel 2004 era ferma al 4,9%, ma dovrà continuare a correre per centrare il suo target Ue del 17% nel 2020. L’Estonia intanto è il primo Paese dell’Unione dei 27 ad aver già tagliato il suo traguardo del 25% previsto per il 2020, toccando già quota 25,9%. Secondo i dati Eurostat, nell’Ue le reginette delle fonti verdi sono tutte nel Nord Europa: Svezia (46,8% dei consumi da rinnovabili), Lettonia (33,1%), Finlandia (31,8%) e Austria (30,9%). Poca cosa rispetto al 64,7% della Norvegia, ormai a un passo dall’obiettivo del 67,5% del 2020. Mentre le maglie nere Ue sul fronte rinnovabili risultano distribuite fra Malta (0,4% contro un obiettivo del 10% per il 2020), Lussemburgo (2,9% e il suo target è dell’11%), Gran Bretagna (3,8% contro un obiettivo del 15%), Belgio (4,1% contro il 13%) e Olanda (4,3% rispetto ad un obiettivo del 14%). La Croazia, che dal primo luglio sarà il 28/o Stato membro, è al 15,7%, contro un obiettivo del 20%. A registrare il salto maggiore nella fetta di energia da rinnovabili fra il 2004 e il 2011 sono invece Svezia (dal 38,3% al 46,8%), Danimarca (dal 14,9% al 23,1%), Austria (dal 22,8% al 30,9%), Germania (dal 4,8% al 12,3%) ed Estonia (dal 18,4% al 25,9%). (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.