Errani propone gli stati generali dell’agricoltura italiana.

Aziende Agricole 1 “E’ il momento di promuovere gli stati generali dell’agricoltura italiana per capire che cosa chiede il sistema agroalimentare nazionale nella discussione della nuova PAC. Non c’è solo il problema delle risorse economiche. C’è innanzi tutto un problema di strategia e di obiettivi di fondo. E in questo l’Emilia-Romagna, tutta insieme, può e deve giocare un ruolo fondamentale. Il rischio è che prevalga un’idea marginale dell’agricoltura. Dobbiamo invece impegnarci tutti per innovare la nostra agricoltura, riorganizzarla, renderla in grado di competere sui mercati internazionali, mettendo al centro quelle che sono i nostri punti di forza: la qualità, la tipicità, il legame forte e identitario con il territorio”. E’ la proposta lanciata a Bologna dal presidente della Regione Vasco Errani, concludendo i lavori del convegno “Agricoltura e sviluppo rurale in Emilia-Romagna: riformare per competere”. Il convegno è stato l’occasione per fare un bilancio delle iniziative realizzate in questa legislatura, ma anche un’occasione per confrontarsi sugli obiettivi e le prospettive dei prossimi anni, in un quadro caratterizzato da una grave e perdurante crisi dei prezzi al’origine, ma anche dalle nuove sfide legate all’accresciuta concorrenza internazionale e alla riforma della PAC del 2013.
Un Programma di sviluppo rurale che stanzia oltre 1 miliardo di euro di risorse pubbliche in sette anni e che nelle scorse settimane ha visto 122 milioni di euro di risorse aggiuntive destinate ad alcuni settori in crisi come quello lattiero-caseario; un forte sostegno al credito, con un aumento del 76% nel 2009 e nel 2010 delle risorse destinate ai Consorzi di garanzia agricoli; sostegno alla ricerca, all’innovazione e alla formazione professionale; nuove iniziative per la promozione dei prodotti tipici e di qualità anche sui mercati internazionali; tutela dell’ambiente e sostegno delle aree montane. Sono alcuni dei punti al centro dell’azione regionale di questi anni.
“Ma accanto a tutto questo – ha sottolineato l’assessore all’agricoltura Tiberio Rabboni – c’è bisogno di un grande salto di qualità nell’organizzazione, ancora troppo frammentata, dell’offerta agricola. E’ questa la condizione di fondo necessaria per ridare valore e competitività alla nostra agricoltura. La Regione è pronta a fare la sua parte, sia per rilanciare gli strumenti tradizionali dell’economia agricola organizzata, quali quelli cooperativi, sia per sostenerne di nuovi. Penso alla rete dei Consorzi agrari che può diventare un nuovo e importante canale di agricoltura associata o agli accordi quadro, quale quello, rinnovato di recente, promosso dalla Regione, con la Barilla per la fornitura di grano duro di alta qualità. Sono traguardi possibili su cui tutti insieme possiamo aprire un cantiere comune.”

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.