Estate anomala anche per la Bonifica di Burana

sifone
Le continue piogge dell’ultima estate non hanno rovinato soltanto le vacanze degli italiani, ma stanno seriamente compromettendo i delicati equilibri del territorio.
“Se da un lato abbiamo dovuto fronteggiare una richiesta irrigua più contenuta del solito, l’anomala piovosità di questa estate ha imposto un’attenzione particolare. Le piogge hanno avuto ripercussioni su tutta la bassa pianura, come testimoniato dai numerosi allagamenti dei giorni scorsi, ma la continua sorveglianza del nostro personale, accanto all’efficiente sistema di telecontrollo per il monitoraggio delle quote in tempo reale, hanno consentito la tenuta del sistema dei canali nonostante il sovraccarico – dichiara il Presidente del Consorzio della Bonifica Burana Francesco Vincenzi.
Un’estate come questa (piogge in aumento del 100% rispetto agli ultimi decenni, per trovare un luglio simile bisogna risalire al 1932), infatti, ha notevolmente appesantito l’intera rete di scolo del Burana interessata da diversi fenomeni di piena.
Sono le zone pedecollinari a ridosso della città di Modena, però, quelle che hanno registrato le maggiori criticità. La zona a Sud di Modena, infatti, presenta un assetto idraulico piuttosto complesso tra cui: la localizzazione – è l’anello di congiunzione tra collina/montagna e pianura, ricevendo, oltre alle precipitazioni, anche le acque provenienti da monte – la forte urbanizzazione, la contestuale presenza di importanti insediamenti agricoli ed industriali nonché di un’articolata rete promiscua di scolo e irrigazione disseminata di numerosi manufatti ed opere idrauliche.
L’eccesso di piogge persistenti e intense, con la frequenza assolutamente anomala di questa estate, ha di fatto palesato i problemi della zona mettendo alla prova la bonifica di Burana che vi ha fatto fronte grazie all’intensificazione del controllo della vegetazione invadente con un’attività straordinaria di diserbo meccanico, al fine di garantire un buon deflusso delle acque nei canali e grazie all’eliminazione dei materiali grossolani trasportati all’interno dei canali dalle piene dei torrenti.
L’Ing. Cinalberto Bertozzi, Direttore Generale del Burana, spiega: “i forti dislivelli idrici registrati nei canali nei giorni scorsi hanno, di fatto, aumentato la franosità arginale e danneggiato svariate opere murarie di protezione. Si sono riscontrate diverse problematiche in varie zone di interconnessione: diversi i cedimenti strutturali spondali registrati tra il canale consortile “Canale S. Pietro”, e i corsi d’acqua pubblici “Torrente Tiepido” e “Torrente Grizzaga”, o tra il consortile “Canale di Formigine” e il pubblico “Torrente Cerca”. I nostri tecnici stanno facendo la conta dei danni e degli interventi di cui chiedere finanziamento per la realizzazione. Le sinergie tra Enti competenti si dimostrano sempre più importanti.”

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.