Etichetta: Avitalia soddisfatta, ma manca la carne di coniglio

Avitalia plaude al via libera dell’Ue di applicare l’etichetta di origine a pollame, suini e ovini, ma all’appello mancano ancora le carni di coniglio. “Il messaggio che i produttori italiani da sempre rivolgono al consumatore è quello della massima trasparenza – ha dichiarato il presidente di Avitalia, Guido Sassi – per questo siamo soddisfatti della posizione presa a livello europeo, anche se sarebbe stato meglio che il provvedimento avesse riguardato anche le carni di coniglio e dei prodotti avicoli e cunicoli trasformati”. Con l’obbligo comunitario d’origine, prosegue Avitalia, si potrebbe chiudere il periodo di contenzioso tra le norme italiane e quelle europee. Come avviene per le carni bovine, l’origine obbligatoria per il pollame consentirebbe infatti di regolamentare attraverso un sistema volontario solo le informazioni relative a tipologia di allevamento, alimentazione, razza, età di macellazione. Questo permetterebbe di ridurre i costi delle aziende, che dal 2005 applicano un disciplinare di etichettatura Avitalia delle carni di pollame per fornire al consumatore informazioni tracciate e rintracciabili, spostando l’onere dei controlli relativi all’origine sull’Autorità pubblica competente.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.