Etilometro al ristorante? Meglio la wine bag

vino2
Portarsi a casa il vino avanzato dalla cena al ristorante è un’idea più attraente rispetto a quella di obbligare le trattorie a sottoporre i loro clienti all’etilometro a fine serata. A dirlo è la Coldiretti che propone una “wine bag” che consenta di conservare la bottiglia ed evitare esagerazioni a tavola. L’idea di introdurre l’etilometro nei ristoranti è sorta nell’ambito degli emendamenti relativi al provvedimento di riforma del codice della strada e ha scatenato subito una forte ondata di polemiche. Secondo il direttore generale di Fipe Confcommercio, Edi Sommariva, si tratta “di un attacco a un settore che già ha i suoi problemi a fronteggiare la crisi e che in questo modo si rischia di mettere definitivamente ko”. Dello stesso parere la Coldiretti che parla di “azioni coercitive che rischiano semplicemente di spostare far cambiare il luogo di consumo” e lancia la wine bag come simbolo di un consumo responsabile. “Occorre investire nella prevenzione – spiega l’associazione agricola – promuovendo la conoscenza del vino a partire dalle giovani generazioni per fermare gli abusi che negli adolescenti sono spesso provocati dal consumo di bevande alcoliche mascherate da bibite alla frutta. Un impegno per in linea con il progetto comunitario ”wine in moderation” che ha l’obiettivo di diffondere la cultura del buon bere senza esagerazioni.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.