Europa sempre più sovrappeso, entro 2030 punte del 90%

obesiUn’Europa di ‘ciccioni’, con buona parte dei paesi che supera il 50% di sovrappeso e l’obesità a livelli allarmanti. Le previsioni dell’Oms per il 2030, presentate ad un congresso a Praga in curiosa coincidenza con l”International No Diet Day’, parlano di una epidemia che non accenna a fermarsi, e anzi rischia di coinvolgere persino chi, come la Svezia o la stessa Italia, fin qui è riuscito a rimanere su numeri bassi. I numeri si basano sui dati del 2010 e del 2014, estratti dal ‘Global Burden of Diseases’ dell’Oms, a cui i ricercatori dello UK Health Forum e della stessa agenzia hanno applicato degli algoritmi per ricavare la stima a 15 anni. L’Italia, pur essendo il paese della dieta mediterranea e dell’Expo sull’alimentazione e pur partendo da una situazione migliore rispetto a quasi tutti i vicini europei, non è immune dal problema. Secondo il rapporto la percentuale di donne sovrappeso passerà dal 39% del 2010 al 50% del 2030, numeri comunque tra i più bassi in Europa, mentre le obese passeranno dal 10% al 15%. Molto peggio andranno i maschi per cui, secondo le tabelle elaborate dall’Oms, si passerà dal 58% di sovrappeso del 2010 al 70% nel 2030, con gli obesi che passeranno dal 12% al 20%. Per quanto riguarda l’Ue, nel 2030 il paese con più maschi sovrappeso sarà l’Irlanda, con l’89% di cui quasi metà obesi, mentre le donne più sovrappeso saranno le belghe, con l’89%, e le più obese le britanniche con il 26%. Oltre all’Irlanda e alla Gran Bretagna i paesi che l’Oms vede più a rischio sono Grecia, Spagna, Austria e Repubblica Ceca, e persino la Svezia, che tradizionalmente ha una bassa prevalenza di obesità, arriverà al 26% di obesi dall’attuale 14%, mentre le donne passeranno dal 12% al 22%. Tra i pochi che vedranno invece una riduzione della prevalenza c’è l’Olanda, che ora ha il 54% di sovrappeso e passerà al 49%. ”Anche se questa è solo una previsione, e quindi i dati vanno presi con estrema cautela, porta due messaggi molto importanti – ha commentato Joao Breda dell’ufficio europeo dell’Oms -. Il primo è che la disponibilità e la qualità dei dati nei paesi devono essere migliorati e il secondo che queste previsioni mostrano la necessità di fare di più per prevenire e combattere l’obesità”. Anche se non c’è una ‘formula magica’ che riesca a risolvere il problema, spiegano gli esperti, i governi devono intervenire. ”Servono politiche che limitino il consumo di cibi poco salutari – afferma Laura Webber, uno degli autori principali -, rendendo gli altri più accessibili”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.