Expo: Cia, contributo agricoltori italiani a ‘Carta Milano’

CIA bandiereSi chiama “Territorio come destino” il primo contributo degli agricoltori italiani alla “Carta di Milano di Expo 2015. A presentarlo a Bruxelles il presidente della Confederazione italiana agricoltori (Cia) fiero del lavoro sviluppato in molti mesi, frutto del pensiero di migliaia di agricoltori, incontrati Regione dopo Regione, su come “Nutrire il pianeta” di fronte alle grandi sfide del futuro. Presenti anche Giovanni La Via (Ppe), presidente della commissione dell’Europarlamento su ambiente, salute e sicurezza alimentare, Michela Giuffrida (S&D) della commissione agricoltura e coordinatrice della delegazione AgriUe a Expo, Claudia Sorlini, presidente del comitato scientifico per l’Expo. Il progetto che emerge dalla consultazione – dice Scanavino – é di un’agricoltura “che sappia misurarsi con i tempi, fare innovazione e scienza e nello stesso tempo sia in grado di tutelare le proprie caratteristiche di biodiversità e qualità italiana, ma anche che renda protagonisti gli agricoltori dello sviluppo della società. Il tutto, nel rispetto per l’ambiente, il cibo, la capacità produttiva e il valore di chi produce”. Dalle interviste sul terreno – precisa all’ANSA il presidente della Cia – “emerge un’agricoltura che non chiede più sovvenzioni, ma di mettere in relazione gli agricoltori più deboli con quelli che fanno migliori performance affinché l’industria agroalimentare, la cooperazione guardi anche a quelle aree per la loro produzione o trasformazione. Quelli della Pianura Padana devono invece poter beneficiare di condizioni uguali ai colleghi della Baviera su costi del lavoro, energia, burocrazia e fisco. Per capirci, a Brescia sciamo forti come a Monaco ma ci penalizzano le condizioni di produzione”.
Per il presidente della commissione ambiente Giovanni La Via (Ppe), “non ci sarà futuro senza agricoltori e gli agricoltori non possono demandare ad altri la produzione in quanto garantiscono qualità, salubrità e sostenibilità ambientale”. La Via ha anche ricordato la grande sfida, “forse la più importante, quella di superare gli sprechi alimentari, soprattutto dalla distribuzione alla tavola”. Per elaborare il contributo degli agricoltori alla ‘Carta di Milano’ – ha precisato l’eurodeputata della commissione agricoltura Michela Giuffrida (S&d) – “la Cia ha utilizzato il metodo giusto, quello della consultazione dal basso. Bisogna fare in modo di lasciare una vera e propria eredità quando la grande vetrina di Expo sarà conclusa: ossia che il cibo venga riconosciuto come diritto dell’uomo”. Giuffrida ha poi ricordato che “la commissione agricoltura del Parlamento Ue si sposterà dal 16 al 19 giugno all’Expo per un confronto sul terreno”. Duranti i lavori, un forte invito a rafforzare la relazione tra il settore agricolo con il mondo della ricerca é giunto dalla presidente del comitato scientifico italiano per Expo, Claudia Sorlini. Per la scienziata, la grande scommessa é fare in modo che “i risultati della ricerca frutto di finanziamenti pubblici giungano alle piccole e medie imprese, mentre spesso – ha spiegato – se ne appropriano le grandi multinazionali per pochi soldi”. Insomma, ha detto: “gli enti pubblici non devono contribuire alla sola ricerca ma anche aiutarci a trasferirla”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.