Expo: Cia, giovani futuro terra, in 5 anni 17mila imprese U30

agricoltura generica2Mai come in questo momento l’agricoltura è percepita dagli italiani come un valore da difendere e da rimettere al centro dello sviluppo, tanto che l’86% degli italiani consiglierebbe a un figlio di farsi agricoltore e gli stessi giovani vedono nei campi una prospettiva di lavoro. Non a caso sono 17 mila gli “under 30” che hanno avviato un’impresa agricola a partire dal 2010. Il che significa che, su 100 start-up, 15 sono state create da giovanissimi. Lo ha rilevato lo studio del Censis in collaborazione con Cia-Confederazione italiana agricoltori presentato ad Expo nell’evento “Giovani: il vivaio da coltivare per far crescere il Paese” che ha radunato migliaia di agricoltori Under 30 aderenti all’Agia-Cia. “Nelle nostre aziende siamo in grado di creare in cinque anni oltre 100.000 posti di lavoro – osserva il presidente della Cia, Dino Scanavino – se sarà restituita centralità al settore primario e se soprattutto ci sarà una forte integrazione di filiera e una visione dell’agricoltura come motore di ricerca, come produttore di turismo, come attore della tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale del Paese”. La ricerca rileva ancora che un italiano su due (50%) coltiva un orto, e tra i giovani la quota è persino più elevata (51,2%), anche se in buona parte lo fa saltuariamente (34,9%); ancora di più sono coloro che nutrono la passione per il giardinaggio (70,1%). Dal 2010 sono nate quasi 117 mila nuove attività, di cui 106 mila in ambito agricolo e quasi 11 mila in quello agroalimentare. I due settori insieme hanno rappresentato l’area di attività prescelta dal 10,1% degli imprenditori che hanno avviato un’azienda negli ultimi tre anni. In più, se tra gli imprenditori con più di 40 anni, la maggioranza (38%) ha al massimo la licenza elementare, e il 31,2% quella media, tra i giovani imprenditori agricoli il livello medio di istruzione cresce sensibilmente. Tra i 25-39enni, il 45,3% è in possesso di un diploma di scuola superiore e l’11,2% ha una laurea. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.