Falso Parmigiano scoperto e ritirato all’Anuga di Colonia

Anuga 2015-reggianito sequestrato
Tre prodotti con denominazioni chiaramente evocative rispetto a quelle in esclusivo uso al Parmigiano Reggiano sono stati individuati all’Anuga di Colonia e denunciati dal Consorzio di tutela alle autorità tedesche.
L’intervento del Consorzio – che ha portato al ritiro di un prodotto denominato “Reggianito”, mentre per altri due il ritiro è avvenuto anche per ragioni sanitarie riscontrate dalle autorità – è scattato pochi minuti dopo l’apertura dei cancelli di una delle più importanti rassegne internazionali dell’agroalimentare, che si tiene biennalmente a Colonia in alternanza con il Sial di Parigi.
E proprio nella capitale francese, nell’ottobre di un anno fa, l’Ente di tutela era analogamente intervenuto ottenendo il ritiro di 7 prodotti recanti denominazioni in palese conflitto con la sentenza ottenuta dal Consorzio nel febbraio 2008 presso la Corte di Giustizia delle Comunità Europee, quando venne sancito che il termine “Parmesan” non è generico, ma rappresenta una evocazione della denominazione “Parmigiano Reggiano” e non può essere utilizzato per formaggi non conformi al disciplinare della Dop italiana.
All’Anuga 2015 si è ripetuta una situazione analoga, con l’immediato intervento degli uffici legali del Consorzio del Parmigiano Reggiano in Italia e Germania, la denuncia dei prodotti illegittimi esposti in fiera e l’intervento dell’autorità tedesca che ne ha sancito il ritiro.
“La tempestività dell’intervento delle autorità tedesche a seguito della nostra denuncia – sottolinea il presidente del Consorzio, Giuseppe Alai – si lega al fatto che, dopo anni di contenziosi, abbiamo ottenuto dall’Unione Europea una legislazione che non lascia dubbi in materia di tutela, prevedendo, tra l’altro, anche l’obbligo di tutela delle Dop “ex officio” in tutti gli Stati membri della UE, con una responsabilità diretta dei Paesi membri in materia di vigilanza”.
“Dopo diverse decisioni favorevoli ottenute in questi anni dal Consorzio dai giudici tedeschi in situazioni analoghe – precisa al proposito Alai – questo è proprio il primo intervento, ad Anuga, della autorità pubblica tedesca che vigila sulle Dop”.
“E’ proprio su queste basi – prosegue Alai – che in Europa il nostro sistema di vigilanza e repressione ha quei livelli di efficacia che ancora non sono possibili in tutto il mondo e ai quali l’Unione Europea deve assolutamente puntare nell’ambito dei negoziati TTIP con gli Stati Uniti, dove si registra un diffuso utilizzo ingannevole di richiami alla nostra denominazione e all’origine geografica del Parmigiano Reggiano, con evidenti ripercussioni negative sulle nostre possibili esportazioni”.
“L’intervento realizzato all’Anuga grazie alla collaborazione con le autorità tedesche – osserva il presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano – ci soddisfa nel risultato, che è anche un deterrente rispetto ai fenomeni delle evocazioni illegittime, ma è urgente un più severo intervento legislativo e una vigilanza europea che stronchi sul nascere le azioni di chi, comunque, continua a presentarsi illegittimamente e ingannevolmente anche in vetrine così importanti”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.