Fame nel mondo, mozioni del Senato per combatterla


Il Senato ha approvato all’unanimità le mozioni che impegnano il governo ad agire in sede europea e internazionale in favore di una strategia mondiale per il settore alimentare che contrasti la piaga della fame e aiuti i paesi in via di sviluppo colpiti dalla crisi economica che ha influenza sui prezzi delle materie prime. Le mozioni sono stare presentate da tutti i gruppi e sono state accolte dal Governo. Nel corso del dibattito sono state sottolineate “le dimensioni abnormi” della piaga della fame nel mondo, problema lungi dall’essere risolto e che sconta addirittura un incremento del divario tra Paesi ricchi e poveri. In particolare si è parlato della crisi del modello basato sulla cooperazione internazionale che non riesce ad assicurare la necessaria politica globale del cibo fondata su una programmazione che può essere garantita solo attraverso l’intervento degli Stati. Nelle mozioni, seppur con accenti diversi, si richiede un ruolo da protagonista all’Unione europea, anche per supplire alle carenze fin qui mostrate dalla FAO, e il rilancio dell’ agricoltura combattendo ogni forma di speculazione di natura mercantile. Le mozioni evidenziano la necessità di assumere modelli produttivi più rispettosi dell’ecosistema alla luce dei danni arrecati dalle colture intensive, così come da parte di alcuni senatori si è sottolineata l’opportunità di privilegiare interventi volti a garantire in loco le tecnologie necessarie ad ottimizzare le coltivazioni ed evitare sprechi e possibili malversazioni. Non solo la Lega Nord ha sostenuto che aiutare le popolazioni afflitte da fame e povertà a casa loro consentirebbe un miglior controllo dei flussi migratori. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.