FAO: molti dubbi che il ‘land grabbing’ crei occupazione

La Fao esprime “molti dubbi” sul fatto che l’accaparramento delle terre o ‘land grabbing’ crei occupazione. E’ quanto si rileva nel rapporto “Tendenze ed effetti degli investimenti stranieri nel settore agricolo dei paesi in via di sviluppo” diffuso oggi. “In parecchi dei progetti esaminati, il numero dei posti di lavoro creati – si legge nel rapporto – è stato decisamente inferiore a quanto non fosse stato inizialmente annunciato ed in alcuni casi perfino i posti di lavoro per mano d’opera poco qualificata sono stati presi da personale non locale”. Nel corso dell’ultimo decennio – nota la Fao – gli investimenti stranieri in terre coltivabili nei paesi in via di sviluppo sono cresciuti in modo esponenziale. Per di più le terre acquistate in genere sono le migliori disponibili, quelle con una qualità buona del terreno e sistemi d’irrigazione. Ma poiché la maggior parte dei progetti d’investimento straniero punta al mercato d’esportazione o alla produzione di biocarburanti, “possono costituire nei paesi a basso reddito e con deficit alimentare una grave minaccia per la sicurezza alimentare, specialmente se sostituiscono coltivazioni alimentari che erano destinate al mercato locale”. Tra gli altri effetti negativi di questo tipo di investimenti – aggiunge la Fao – il fatto che in molti casi i piccoli contadini hanno dovuto abbandonare le terre per mancanza di occupazione e che i pastori sono stati privati dei loro pascoli, con conseguente perdita di reddito e di possibilità di guadagnarsi da vivere per le popolazioni rurali locali, oltre al degrado della terra, delle risorse idriche e della biodiversità. Tra le possibili alternative all’acquisizione della terra – conclude la Fao – potrebbero esservi accordi di agricoltura contrattuale, sistemi di piantagioni satellite che diano ai contadini una condivisione del capitale e joint venture tra le compagnie che investono e le cooperative contadine.
(ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.