Fao: “tra 18 mesi la peste bovina sarà sconfitta”

bovini carne 2
Fra circa 18 mesi, la FAO e l’OIE (l’Organizzazione mondiale per la salute animale) insieme ad altri partner dichiareranno ufficialmente sconfitta una delle piu’ devastanti malattie animali che l’umanita’ abbia mai dovuto affrontare: la peste bovina.
E’ la prima volta nella storia dell’umanità – fa sapere la Fao in un comunicato – che si e’ riusciti a sconfiggere una malattia animale e solo la seconda volta si e’ riusciti a debellare una malattia, la prima e’ stata il vaiolo nel 1980. Questa vittoria arriva a coronamento di un’intensa campagna durata decenni, condotta dalla FAO con un ampio numero di partner, per riuscire prima a relegare la malattia in isolate sacche e dopo spazzarla via una volta per tutte. La peste bovina non colpisce l’uomo direttamente, ma e’ letale per i bovini e tutti gli animali ungulati dai quali l’uomo dipende per nutrirsi, come fonte di reddito e come forza da tiro.
I tassi di mortalita’ durante le epidemie possono raggiungere il 100%. Causata da un virus, si propaga per contatto diretto o tramite materiali contaminati.
Nel corso dei secoli ha ucciso milioni di bovini, di bufali, di yak e dei loro simili allo stato brado, causando perdite economiche enormi e contribuendo a creare disordini sociali ed insicurezza alimentare. Importato in Europa dall’Asia, dalle tribu’ d’invasori, si ha notizia di epidemie di peste bovina gia’ nell’antica Roma, nel 376-386 d.C. Epidemie ricorrenti nella Francia del XVIII secolo hanno provocato carestie e cadute di produttivita’, alimentando le agitazioni culminate poi nella rivoluzione francese del 1789.
Quando la peste bovina si e’ introdotta in Africa sub-sahariana, alla fine del XIX secolo, ha ucciso tra l’80 ed 90% del bestiame della regione, mettendo a serio repentaglio le condizioni di vita di contadini e pastori, causando carestia diffusa, ed indebolendo notevolmente la regione nei confronti della colonizzazione europea. Nel momento di maggior diffusione, negli anni ’20, la malattia si estendeva dalla Scandinavia al Capo di Buona Speranza e dalle coste Atlantiche dell’Africa all’arcipelago filippino, con un focolaio epidemico segnalato in Brasile ed un altro in Australia. Agli inizi degli anni ’80, la malattia portava devastazione tra il bestiame del vecchio mondo, mentre devastanti epidemie colpivano il Sud dell’Asia, il Medio Oriente e l’Africa.
In quegli stessi anni le perdite in Nigeria raggiungevano i 2 miliardi di dollari. Un’epidemia nel 1994 nel nord del Pakistan ha annientato piu’ di 50.000 capi di bestiame prima che la situazione fosse riportata sotto controllo con l’aiuto della FAO.

Un Commento in “Fao: “tra 18 mesi la peste bovina sarà sconfitta””

Trackbacks

  1. diggita.it

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.