Fedagri: una Pac per politiche fondiarie che favoriscano l’accorpamento aziendale

La riforma della Politica Agricola Comune presuppone un salto culturale del sistema imprenditoriale per quanto concerne l’impiego delle risorse pubbliche, che saranno sempre più indirizzate al sostegno dell’integrazione del mondo produttivo per far crescere la competitività sul mercato assicurando prospettive future, reddito e valore aggiunto alle imprese agricole. È quanto afferma Giovanni Bettini, presidente di Fedagri/Confcooperative Emilia Romagna, che associa oltre 500 cooperative con quasi 75.300 soci e 17.800 addetti e sviluppa un volume d’affari complessivo pari ad oltre 8.100 milioni di euro.
“Le risorse disponibili – dichiara Pier Luigi Romiti di Fedagri nazionale – potrebbero essere destinate ai cosiddetti ‘agricoltori attivi’, figura che dovrà essere codificata sulla base di requisiti soggettivi oltre che sull’accertamento del reddito aziendale che dovrà provenire in netta prevalenza dalla attività agricola. Sempre per ciò che riguarda l’aspetto gestionale della riforma della Pac si dovrà perseguire una decisa semplificazione degli oneri burocratici avendo cura che a questo aspetto venga indirizzata soltanto una quota marginale delle risorse pubbliche”. Per la Federazione regionale delle cooperative agricole ed agroalimentari di Confcooperative, inoltre, la riforma della Pac dovrà necessariamente puntare sui giovani anche prevedendo, oltre all’incentivo per il loro inserimento in agricoltura, anche apposite politiche fondiarie, tra cui in particolare l’incentivo all’affitto, tese a favorire l’accorpamento aziendale.“Fedagri/Confcooperative Emilia Romagna – sottolinea Bettini – ritiene indispensabile che attraverso il dialogo ed il confronto tra le organizzazioni, le istituzioni regionali ed il Governo centrale si raggiunga una posizione forte e comune a livello italiano per poter affrontare con successo la trattativa che si aprirà con gli altri paesi europei”.“La riforma – conclude Romiti – dovrà definire regole certe per consentire alle imprese agricole europee di programmare investimenti strategici in un arco temporale di medio – lungo periodo offrendo ai produttori garanzie di sviluppo futuro”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.