Federcoopesca, allarme pesce ingiustificato

pescherecci 2“Sono allarmismi ingiustificati, perché oltre due pesci su tre acquistati in Italia sono pescati all’estero e non è certo una novità la nostra forte dipendenza da questi mercati”. Lo afferma all’ANSA la Federcoopesca-Confcooperative, commentando il fatto che il pesce italiano si sarebbe esaurito. Negli ultimi 7 anni, sottolinea l’associazione, la quantità di prodotto acquistato dalle famiglie italiane è aumentato del 13%, contro +4% delle produzioni agroalimentari in generale; quello che è cambiato oggi è che ci sono meno pescatori e meno barche, ma non meno prodotto in mare. Dal 2003 al 2008, ricorda la Federcoopesca, sono usciti dal settore più di 2mila pescherecci e questo ha comportato una riduzione del 18% delle catture. Il problema, evidenzia l’associazione, è che il prodotto che viene dell’estero, soprattutto quello da paesi extra europei, è meno caro ed è quindi più richiesto e presente in grandi quantità tutto l’anno; una presenza legata alla caratteristica di questi mari più pescosi, ma anche ai sistemi di pesca spesso meno selettivi di quelli italiani. Nel 2012, comunque qualche segnale di inversione di tendenza c’é stato, conclude l’associazione: l’elaborazione dell’Ismea su dati Istat parla di un deficit della bilancia commerciale ittica nazionale (-3,3%) leggermente migliorato rispetto al 2011, dopo due anni in netto peggioramento. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.