Federcoopesca: con Cites il tonno lo pescano i paesi extra Ue

”Inserire il tonno rosso tra le specie protette dall’allegato I della Convenzione Cites non garantisce piu’ tonni in mare e meno sulle tavole, ma solo che i tonni pescati nel Mediterraneo e destinati per l’80% al mercato giapponese, non verrebbero piu’ commercializzati da pescatori europei, ma dagli stessi giapponesi, oltre che dai turchi, dagli algerini, dai libici e dagli statunitensi, che catturano un terzo degli esemplari pescati nel nostro bacino”. E’ questo secondo Massimo Coccia presidente Federcoopesca-Confcooperative, il destino che attende gli operatori europei di tonno, se passera’ la proposta del Principato di Monaco di un inserimento di questo esemplare tra le specie a rischio di estinzione. ”Bastera’ che uno dei paesi non comunitari che tradizionalmente pescano nel Mediterraneo decida di porre una riserva circa l’inserimento del tonno nel Cites, e per questa nazione non scattera’ il divieto di commercio internazionale – conclude Coccia – gli unici a non poter commercializzare a livello mondiale il prodotto saranno i nostri pescatori”. Una scelta che, secondo la Federcoopesca, ”peserebbe enormemente da un punto di vista socio economico sul comparto, senza portare benefici significativi alla salvaguardia della specie”. (Ansa)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.