Federcoopesca, da Manfredonia una ricetta anticrisi

RossettoFare sistema e adottare nuovi modelli di sviluppo è la formula per fermare il declino della pesca. E questo partendo da Manfredonia. Ne è convinto Massimo Coccia, presidente della Federcoopesca-Confcooperative, portando ad esempio quanto si sta facendo nella città pugliese nell’ambito della sperimentazione sul rossetto, specie la cui pesca attualmente è vietata in base a divieti comunitari. A Manfredonia, infatti, è nato un laboratorio virtuoso dove, grazie al coordinamento tra ministero, Regione, Comune, Autorità marittima e associazioni di categoria, si lavora per realizzare un piano di gestione che possa portare al recupero dell’antico mestiere della pesca al rossetto, nel rispetto dei nuovi vincoli imposti dalle norme europee. Il sistema realizzato a Manfredonia, secondo Coccia, potrebbe diventare un modello di gestione condiviso da più marinerie, ‘un incubatore’ per presentare a Bruxelles proposte concrete per una gestione responsabile delle specie tutelate. “Stiamo cercando di non vanificare i sacrifici di chi ha riconvertito la propria attività – conclude Nunzio Stoppiello, vicepresidente nazionale e referente per la Puglia della Federcoopesca – optando per altri sistemi di pesca, in modo da coniugare le esigenze di tutela ambientale con la pratica di una pesca antica e importante da un punto di vista sociale ed economico”.
(ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.