Federcoopesca: il governo salvi le pesche speciali

Salvare la pesca del bianchetto e del rossetto e evitare un bagno di sangue per imprese e lavoratori. E’ l’appello rivolto a Governo e Regioni dalla Federcoopesca-Confcooperative e da una folta rappresentanza dei suoi associati che si sono incontrati oggi a Roma, alla presenza di funzionari regionali di Puglia e Liguria e del coordinatore pesca Fai-Cisl Silvano Giangiacomi. Obiettivo della riunione è far si che non si perdano queste pesche speciali tradizionali messe al bando dal Regolamento comunitario 1967/2006 entrato in vigore nel giugno scorso, praticate da 1000 pescherecci e 3000 addetti, per un volume d’affari che incide per il 5% sul totale del settore. Se il via libera di Bruxelles sembra meno complicata per la pesca del rossetto, più difficile è quella per il bianchetto, praticata soprattutto nel sud Italia. La strada suggerita dalla Federcoopesca per ottenere la deroga dall’Unione europea prevede: monitoraggio degli stock del novellame di sardina e dell’esemplare adulto per delineare lo stato di salute di questa specie; attivare una sperimentazione di pesca con attrezzi alternativi allo strascico come sciabica e circuizione; indennizzare imprese e lavoratori per attenuare gli effetti della mancata campagna di pesca o attuare un fermo biologico attraverso risorse Fondo europeo della pesca (Fep). Una situazione di emergenza, conclude l’associazione, da cui si può uscire facendo un lavoro sinergico di Stato, Regioni e parti economico-sociali. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.