Federcoopesca: stop cattura pesce spada costerà 13 mln all’Italia

Costerà all’Italia circa 13 milioni di euro la chiusura della pesca al pesce spada in vigore da domani 1 ottobre al 30 novembre; e questo a fronte di un giro d’affari annuale di 54 milioni euro, compreso l’indotto. A quantificare la perdita è la Federcoopesca-Confcooperative, basandosi sulle catture degli anni precedenti; in pratica nei due mesi di inattività non verranno pescate 562 tonnellate di pesce, per un valore di 23 euro al chilo. L’Italia, ricorda l’associazione, si conferma essere il paese con la più alta percentuale di spada pescato nel Mediterraneo con il 45% del totale, seguita da Marocco (19%), Spagna (10%) e Grecia (10%); il 50% delle catture avviene nei mesi più caldi, da fine maggio a fine settembre, principalmente a largo delle coste tirreniche e ioniche. In vista del fermo pesca dei prossimi due mesi, secondo la Federcoopesca, occorre fare attenzione al prodotto che si troverà nei ristoranti e nei mercati, che non potrà che essere di importazione; ogni anno infatti arrivano in Italia oltre 5mila tonnellate di spada, per un valore 44.243 euro.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.