Federcuochi, è polemica per i premi agli chef “soliti noti”


Chi in Italia ha sempre difeso e portato avanti negli anni la cucina che è espressione dell’identità nazionale? Chi, nel tempo, ha saputo e voluto utilizzare i prodotti che caratterizzano le diverse regioni? Forse i pochi chef blasonati? O quelli diventati star del teleschermo?”. Lo afferma in una lettera aperta Paolo Caldana, presidente della Federazione italiana cuochi (Fic), nel rivendicare il ruolo dei tanti cuochi italiani e della federazione che li rappresenta e non dei “soliti noti”. “Tra loro viene anche celebrato – prosegue Caldana – chi, dopo anni di dedizione all’eccellenza culinaria, ha una caduta di stile e si occupa di fast food (il riferimento è a Gualtiero Marchesi, ndr). “Quanto alle guide dei ristoranti – prosegue Caldana – reputo che, pur essendo un valido punto di riferimento per i consumatori, siano incomplete: nelle pagine stilate dai critici enogastronomici, non trovano posto, in quanto ignorati, molti chef che meriterebbero di essere apprezzati per la loro cucina gustosa e sobria, magari tradizionale, ma mai banale”. “Per questo e altri motivi – aggiunge Caldana -, permettetemi di dire chiaro e forte, senza timore di smentita, che noi della Federazione rappresentiamo l’Italia della cucina, una cucina assolutamente al passo con i tempi”. In conclusione – afferma Caldana – “desidero ribadire che la Federazione Italiana Cuochi ha il diritto nonché il dovere di essere interpellata sulle varie problematiche del settore e di esprimere il proprio autorevole parere. E’ l’unica riconosciuta a livello ufficiale governativo ed è ancora l’unica ad essere inserita nella Wacs-Società mondiale delle Associazioni dei cuochi, come rappresentante dell’Italia”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.