Ferme le vendite dei prodotti alimentari

Rimangono stagnanti i consumi alimentari degli italiani: nel mese di settembre le vendite al dettaglio sono cresciute dello 0,7% rispetto allo stesso periodo 2010, ma sono calate dello 0,2% rispetto ad agosto, “segno del manifestarsi dei primi effetti dell’aumento dell’Iva”. E nei primi nove mesi dell’anno i consumi sono cresciuti nel complesso solo dello 0,1%. E’ quanto sottolinea la Confederazione italiana agricoltori (Cia), commentando il rapporto sul commercio al dettaglio diffuso oggi dall’Istat. E’ più di un anno, insomma, che la domanda domestica di alimenti e bevande rimane sostanzialmente immobile. E di conseguenza cambiano le abitudini di spesa. “Gli italiani – spiega la Cia – scelgono di risparmiare dove possibile, anche sulla tavola, complice la perdita di potere d’acquisto e la ripresa dell’inflazione”. Ed é così che si registra un boom di acquisti low cost: secondo una recente indagine dell’associazione agricola, il 34% delle famiglie (7,4 milioni) dichiara di scegliere prodotti low cost o di qualità inferiore, mentre il 30% (6,6 milioni) afferma di acquistare quasi esclusivamente al discount. Una scelta confermata anche dai dati Istat: a settembre si è registrato un segno più nelle vendite di prodotti alimentari solo nella Gdo (+2,1%) e negli hard discount (+2,9%), mentre le piccole botteghe e i negozi di quartiere hanno subito un ennesimo ridimensionamento (-1,9%). E ora, conclude la Cia, non resta che sperare nel Natale. Secondo le prime previsioni il 90% degli italiani non dovrebbe tagliare il budget di spesa per il cenone e per il pranzo del 25 e di Santo Stefano, preferendo risparmiare su regali o viaggi. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.