Fermo pesca: da Trieste a Rimini scatta dal 22 luglio fino all’1 settembre

pescherecci 2“Vedo con soddisfazione che sono state accolte le richieste che questa Regione aveva avanzato, insieme alle associazioni di categoria e alle altre Regione dell’Alto Adriatico per un’applicazione differenziata del fermo pesca biologico, una misura necessaria per contrastare l’impoverimento del nostro mare e garantire l’equilibrio delle risorse ittiche”.
Così l’assessore regionale all’agricoltura e pesca Tiberio Rabboni sul decreto del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali che ha fissato le date per il fermo pesca biologico 2013. Per l’area che va da Trieste a Rimini andrà dal 22 luglio al primo settembre.
Per garantire gli indennizzi agli armatori la Regione mette a disposizione circa 800 mila delle proprie risorse FEP, il Fondo europeo per la pesca. Contemporaneamente la Commissione europea ha sbloccato i rimborsi all’Italia, che consentiranno all’Emilia-Romagna di pagare anche il fermo pesca 2012. Resta invece ancora aperta la questione della cassa integrazione per i marittimi imbarcati. Dopo lo stanziamento a livello nazionale delle risorse per garantire la copertura della Cig 2012, “l’auspicio – sottolinea Rabboni – è che si possano rapidamente trovare anche le risorse necessarie per la completa copertura della cassa integrazione 2013”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.