Fieravicola: il comparto conferma il proprio stato di salute

polloSi è chiusa con sensazioni positive la 48esima edizione di FierAvicola, il Salone internazionale dell’avicoltura ospitato dalla Fiera di Forlì. A dimostrarlo sono innanzitutto i numeri, che confermano i circa 10mila visitatori accorsi nei padiglioni di via Punta di Ferro nei tre giorni. Tra loro, quasi un migliaio provenivano dall’estero, a conferma del crescente e diffuso interesse nei confronti del comparto avicolo nostrano, oltre che del risultato di aprire la manifestazione verso l’esterno, rendendola sempre più internazionale, con una precisa strategia di promozione avviata dal 2012 da Fiera di Forlì insieme al sistema camerale del territorio. Pubblico dunque assai qualificato, come si richiede ad una fiera business e che ha potuto trovare spunti interessanti dagli espositori, ma anche dal ricco programma di workshop e convegni.
A testimoniare il buon esito di FierAvicola 2013, anche i numeri relativi agli espositori, circa 200 in totale, dei quali il 20% arrivato da Paesi stranieri. Elevata anche la partecipazione di delegazioni estere di buyer e diplomatici, provenienti da realtà che rappresentano mercati di indubbio interesse per le imprese del settore come Algeria, Polonia, Romania, Russia, Libia, India, Egitto, solo per citarne alcuni. A questi si sono aggiunti anche tre Ambasciatori, in rappresentanza dei Governi di Burkina Faso, Repubblica Dominicana e Nigeria: quest’ultimo ha sottoscritto, nell’ambito di FierAvicola, un importante protocollo di collaborazione con le istituzioni locali (Provincia e Camera di Commercio) ed il sistema fieristico di Forlì e Cesena, per la promozione di scambi di prodotti, conoscenze e servizi, veicolati attraverso seminari, incontri e fiere specializzate nella prospettiva strategica di rapporti sinergici proficui tra Italia e Nigeria. La manifestazione è stata l’occasione anche per avviare nuovi contatti e porre le premesse per collaborazioni economiche con altri paesi, come l’India, con i cui rappresentanti delle imprese produttrici il dialogo e gli incontri con Fiera di Forlì e con il prezioso supporto della Camera di Commercio provinciale, proseguiranno nei prossimi mesi, nell’ottica di portare imprenditori, tecnici, operatori nazionali a presentare la propria offerta all’estero sotto l’egida di FierAvicola.
Forte anche la partecipazione di politici ed istituzioni, non solo locali, a testimoniare l’attenzione verso un comparto che, anche in questo inizio di 2013, mostra di non soffrire la crisi, ma si è conquistato un ruolo di tutto rispetto nella produzione nazionale, continuando anzi a far registrare numeri che lo pongono nettamente in controtendenza rispetto agli altri settori zootecnici. I dati proposti nel corso della manifestazione da Unaitalia parlano infatti di un comparto che fattura 5,7 miliardi di euro ed offre lavoro, tra dipendenti diretti ed indotto, a 100mila addetti, confermando il proprio ruolo centrale nel settore agroalimentare del nostro Paese. Non solo, nel 2012 si sono registrati incrementi sia nella produzione delle carni (+2,3%) che nei consumi (+4,1% per i prodotti avicoli) rispetto al 2011.
A FierAvicola erano presenti aziende che rappresentano vere e proprie eccellenze e che contribuiscono a portare il mondo avicunicolo ai vertici del settore zootecnico per livello di tecnologia raggiunto. Tanti anche gli appuntamenti ed i momenti di interesse per gli operatori che, insieme agli incontri business, hanno potuto approfondire tematiche tecniche, scientifiche, fiscali e legislative nei numerosi incontri e convegni previsti dal programma. Da segnalare, nel corso dell’ultima giornata del Salone, lo sguardo rivolto al futuro, tra innovazione e strategie per affrontare i mutati scenari economici, finanziari e normativi, anche a livello comunitario: dal ruolo del sistema cooperativo alle strategie di filiera per affrontare il problema degli elevati costi delle materie prime per la mangimistica.
Nonostante il difficile contesto economico, si respira un cauto ottimismo, grazie alle opportunità offerte alle imprese da FierAvicola anche tramite la sinergia attivata con l’Expo 2015 di Milano che offrirà alla filiera avicola una vetrina di assoluto valore e prestigio all’interno del Padiglione Italia. L’Expo 2015, incentrato sulla tematica dell’alimentazione sana e sostenibile, coinvolgerà operatori e realtà professionali in grado di proporre soluzioni ed idee concrete per rispondere a questa necessità, e tra loro non poteva mancare FierAvicola, che potrà così proporsi come un interlocutore privilegiato per quanto riguarda il consumo degli ovo-prodotti e delle carni bianche, facilmente fruibili dalle grandi masse ed al contempo con standard nutrizionali d’eccellenza.
Secondo Giorgio Grazioso, Presidente Fiera di Forlì “Non è un caso se FierAvicola si svolge a Forlì, nel cuore di quella Romagna che rappresenta uno dei pilastri del comparto avicolo italiano. Ed anche in questo 2013 la manifestazione ha rappresentato un’enorme occasione per il territorio, in termini di visibilità ed indotto, confermandosi non solo leader in Italia tra le fiere B2B del settore, ma anche come appuntamento di richiamo a livello internazionale. Dagli incontri sul tema dell’internazionalizzazione per arrivare all’importante firma dell’accordo con il Governo della Nigeria, FierAvicola è oggi una manifestazione che guarda ai Paesi esteri e che da questi viene riconosciuta ed apprezzata come luogo dove trovare le eccellenze del comparto. L’edizione 2015 di FierAvicola sarà pensata ed organizzata valorizzando al massimo la sinergia con Expo ed è nostra intenzione anche approfittare di questa per costruire opportunità per conoscere e visitare il nostro territorio agli stranieri in visita all’expo”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.