Fondi rustici: valore più alto con un bel paesaggio

valmarecchiaUn valore più alto del 15%. E’ quanto può offrire un bel paesaggio ad un fondo rustico. A mettere in luce valori economici più elevati di terreni e edifici dove il paesaggio è gradevole è uno studio – presentato a Expo – condotto dalla Cia-Confederazione Italiana Agricoltori dell’Emilia-Romagna, Promoverde e Accademia di Agricoltura che analizza diverse tipologie di terreni e immobili nel contesto territoriale che li circonda. Prendendo spunto da uno studio pubblicato dal Joint Research Center della Commissione europea secondo cui il valore del paesaggio agricolo dell’Unione europea, riferito al 2009, poteva essere stimato di 27,1 miliardi di euro Cia e Accademia hanno voluto quantificare il valore degli ‘scenari’ naturali in Emilia Romagna. Dall’indagine, si legge in una nota, si evidenzia che i fondi rustici valgono un 15% in più se inseriti in un bel contesto paesaggistico. “Questo valore – osserva Maurizio Pivetti, agronomo della Cia- è influenzato da diversi fattori come la diversità biologica, l’importanza culturale e storica dei luoghi, il loro valore estetico, le possibilità di ricreazione e l’interesse scientifico ed educativo dei siti. Nei soli fabbricati si evidenziano valori superiori fino al 10% in situazioni di bel paesaggio rispetto a situazioni di paesaggio degradato o comunque poco significativo – ha aggiunto – mentre per i soli terreni l’incremento è intorno al 5-7 % in presenza di coltivazioni ben curate e arboree”. Nei contesti di bel paesaggio i soli fabbricati abitativi segnalano valutazioni superiori alla media del 6-8 % rispetto agli stessi in paesaggi ‘anonimi’ o con forte presenza di infrastrutture (capannoni, ferrovie, autostrade) e ancor più se confrontati con paesaggi degradati, fino al 10-15 %. “Noi dovremmo imparare dagli altri Paesi – puntualizza Antonio Dosi, presidente della Cia Emilia Romagna – che sfruttano alcuni momenti del ciclo produttivo come eventi di attrazione internazionali, come la fioritura dei ciliegi in Giappone. Neanche a noi manca la fioritura dei frutteti! Potremmo per esempio legarla alla ricettività e ai prodotti tipici, valorizzandoli reciprocamente: quello che va accresciuto – chiosa – è il riconoscimento culturale del nostro stesso paesaggio”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.