Formaggi: export in crescita ma si abbassano i listini

Formaggi
Cresce del 7,5% l’export dei formaggi italiani nei primi 10 mesi del 2013 per un totale di 271 mila tonnellate ma a costo di sacrifici per le aziende casearie. Lo afferma Assolate, precisando che per reggere la concorrenza e conquistare i mercati le aziende sono costrette a ridurre prezzi e quotazioni. Per questo da gennaio ad ottobre il fatturato delle esportazioni casearie è cresciuto solo del 3,9%, arrivando a 1,72 miliardi di euro e in 1 anno il prezzo al chilo è calato del 3,8%, scendendo a 6,35 euro/kg. La crescita dell’export ha toccato tutti i continenti (ad eccezione dell’Africa) con punte di +8,2% nell’Ue, +8,5% in Asia e +25,5% in Centro e Sud America. Tra i fan storici si riconferma la Francia con oltre 58 mila tonnellate (+7%) consumate; bene la Germania con 36 mila tonnellate (+10,3%), il Belgio con 15 mila tonnellate (+19,3%) e il Regno Unito con 24.254 tonnellate (+8,8%). Ad avere successo sono tutti i principali formaggi, dalla mozzarella e ricotta (+14,6% in volume), alla crescenza e robiola (+47%), dai formaggi molli (+18,2%), al provolone (+7%), Gorgonzola (+4,7%), Grana Padano e Parmigiano Reggiano (+5,1%). Quanto alla mappa delle preferenze, secondo Assolatte gli europei preferiscono mozzarella, ricotta, crescenza e mascarpone, i nord-americani il pecorino, mentre in Asia e Oceania vanno per lo più Grana Padano e Parmigiano Reggiano.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.