Frane: la causa è spesso l’eccessiva cementificazione


L’Italia frana anche perché il 25% delle campagne negli ultimi 40 anni sono state abbandonate o coperte dal cemento. E’quanto emerge da uno studio della Coldiretti, in riferimento al rapporto “Ecosistema a rischio 2010” di Legambiente e Protezione civile. In pratica un territorio grande come due volte la regione Lombardia per un totale di 5 milioni di ettari equivalenti, sottolinea la Coldiretti, è stato sottratto all’agricoltura che interessa oggi una superficie di 12,7 milioni di ettari. Se si continua a “consumare” campagna, sostituendola con zone cementificate e, contestualmente non si creano le condizioni perché l’acqua possa defluire, il risultato non può che essere l’aumento dei rischi per frane ed alluvioni analizzato dalla Protezione civile e da Legambiente. Peraltro l’uso plurimo della terra con spiccata conflittualità di interessi specialmente nelle aree di pianura, l’alta densità demografica, i vincoli ambientali, paesaggistici ed idrogeologici generano una pressione che tiene particolarmente alto il valore della terra in Italia. Tra i nuovi fenomeni, la Coldiretti segnala la domanda di terreni da destinare a pannelli fotovoltaici che si è aggiunta alla diffusione nelle aree fertili di impianti agroenergetici, con la richiesta di terra da destinare alla produzione di biomassa. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.