Fruitlogistica: i vertici dell’ortofrutta si incontrano in Piazza Italia

La giornata di apertura dell’edizione 2010 di Fruitlogistica a Berlino non ha tradito le aspettative con una grande affluenza di operatori specializzati provenienti da tutto il mondo ma anche con una importante presenza istituzionale a testimonianza del ruolo chiave che questa Fiera svolge nel settore del commercio ortofrutticolo.
E Piazza Italia si è confermato fulcro delle iniziative istituzionali ospitando il Ministro delle Politiche Agricole Luca Zaia che nello stand del CSO si è intrattenuto con gli operatori del settore.
Il Presidente di CSO Paolo Bruni – in apertura all’incontro con il Ministro – ha rimarcato la necessità di convergere a livello nazionale su strategie che possano dare respiro al settore in piena crisi. “In questa particolare contingenza economica – ha detto Bruni – serve un piano strategico super partes per dare nuovo impulso all’export ortofrutticolo. Quest’anno secondo gli ultimi dati di Nomisma – ha aggiunto – siamo di fronte ad una contrazione del valore dell’export e ad una crescita delle importazioni. In dettaglio, il valore delle esportazioni dell’aggregato “frutta, legumi ed ortaggi” cala del -15,4% rispetto al 2008 e le corrispondenti importazioni aumentano del +7,7%. Il saldo finale rimane positivo e pari a 376 milioni di euro, ma con un calo del -61,8% rispetto al 2008”. “Inoltre – prosegue Bruni – non possiamo più permetterci che nel 2010 si ripeta la drammatica situazione che ha caratterizzato, ad esempio, il mercato delle pesche e delle nettarine. A tal riguardo – conclude Bruni – chiediamo di modernizzare i regolamenti di gestione delle crisi per rendere le misure più flessibili e più fruibili, superando il limite annuale del prodotto ritirabile”.
Fruitlogistica però, è anche l’occasione per fare il punto sul mercato tedesco che, da sempre partner privilegiato dell’export ortofrutticolo italiano, oggi riduce le sue quote di importazione dal Bel Paese per rilanciare l’autoproduzione o privilegiare forniture a minor prezzo.
Una situazione che mette in chiaro la necessità di attivare politiche di rilancio dell’offerta italiana in Germania come ha ricordato il Presidente di CSO Paolo Bruni che ha precisato però che per il 2010, secondo la società di rilevazione GFK, si attende un calo del potere d’acquisto dei tedeschi dello 0,5% rispetto al 2009 a causa del calo dei redditi. In termini monetari, si stima che ogni tedesco avrà 42 euro in meno per le proprie spese complessive, rispetto all’anno scorso ed è chiaro che questo avrà ripercussioni sugli acquisti dei prodotti freschi come l’ortofrutta.

2 Commenti in “Fruitlogistica: i vertici dell’ortofrutta si incontrano in Piazza Italia”

  • dott. Rita Battinelli scritto il 3 febbraio 2010 pmmercoledìWednesdayEurope/Rome 17:55

    Perchè non parlare anche delle difficoltà che affrontano coloro che vi partecipano, per raggiungere una città fredda per antonomasia, che organizza un avvenimento di significativa portata, nel periodo più freddo dell’anno? Coloro che sono partiti ieri da Napoli, alle 6,30, sono giunti a destinazione solo questa mattina, esattamente 24 ore dopo, alla fine di lunghe attese nell’aeroporto di Monaco, una finta partenza dallo stesso aeroporto ed infine una notte in treno poichè l’aeroporto di Berlino era impraticabile.

Trackbacks

  1. diggita.it

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.