Frutta d’estate: dai dati CSO emergono gli orientamenti per il futuro

Frutta_d_estate_001Gli elementi di sintesi che emergono dalle elaborazioni sulla frutta estiva presentate a Bologna il 10 Giugno da CSO e Regione Emilia Romagna evidenziano il profilarsi di una annata non eccedentaria.
Che per l’ortofrutta sarà un’estate calda lo rimarca nel suo intervento Paolo De Castro, Presidente della Commissione Agricoltura Ue.
“Siamo di fronte – dichiara De Castro – a momenti cruciali per l’agricoltura. La riforma della Pac in fase finale di discussione per fine giugno, dovrà poi trovare il budget adeguato nel piano finanziario pluriennale. Nel 2014 – rimarca De Castro – si procederà probabilmente in regime di proroga, con la gestione dei finanziamenti ordinari e PSR come da vecchio ordinamento.
Per l’OCM unica – informa De Castro – ci sono posizioni molto discordanti ma per i Paesi del Sud Europa è importante mantenere accorpata la discussione dei dossier per avere maggior peso nella contrattazione.”
Sul fronte produttivo per l’estate 2013 non si temono gli accavallamenti produttivi che hanno portato a situazioni critiche in altre annate.
Tuttavia la difficoltà economica generale, la minor propensione al consumo e la concorrenza della Spagna rappresentano senza dubbio alcune criticità.

La Spagna ha accresciuto, negli ultimi anni, gli investimenti peschicoli con un’offerta di pesche e nettarine (escluse le percoche) che è salita da circa 500.000 tonnellate a quasi 900.000 tonnellate. In forte crescita anche l’export, soprattutto grazie agli investimenti sulle varietà piatte.

La regione Catalonia, che rappresenta oltre il 30% della produzione spagnola, è tra le aree che più hanno rafforzato la propria offerta e presenta un calendario di raccolta molto simile a quello delle aree del Nord Italia.

Già da oggi però si sta delineando in Emilia Romagna un elemento di grande positività legato alla importante conversione varietale relativa a pesche e nettarine, orientata verso cultivar a sempre più elevato valore qualitativo e gustativo che avrà interessanti effetti sui consumi e sul valore del prodotto.
Nella carrellata di frutti estivi presi in esame da CSO l’albicocco presenta, in questo momento, una situazione favorevole.
Produzioni non troppo elevate, non sovrapposte con i competitor, forte concentrazione su varietà ad alto livello qualitativo, buon assorbimento del mercato.
Attenzione a conservare questi requisiti ideali senza esagerare con gli impianti.
Per quanto riguarda il susino, infine emerge la necessità di trovare soluzioni per aumentare la competitività italiana, come risulta dallo studio CSO presentato dal prof. Carlo Pirazzoli, del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Bologna

Ci sono aree in altri Paesi come ad esempio la Spagna, in cui la coltura è molto più redditizia grazie ad un insieme di fattori, soprattutto il minor costo della manodopera.

L’Italia, ancora una volta, compensa con le migliori tecniche colturali, le rese più elevate e quindi una maggior specializzazione che comunque diventa indispensabile nella competizione futura.

“Occorre rilanciare il Made in Italy dell’ortofrutta italiana – dichiara Paolo Bruni Presidente di CSO – una identità che è il terzo brand più noto al mondo secondo quanto riportato dal Ministero degli Esteri.
In Italia abbiamo saputo costruire in tanti anni di sapiente lavoro un valore immenso nell’immaginario collettivo globale, che è il valore della qualità superiore di ciò che si produce a livello nazionale. Ed è da qui che dobbiamo partire tutti insieme per dar forza alla nostra produzione, conquistando nuovi mercati e nuovi consumatori, attraverso una forte azione di internazionalizzazione a cui il CSO si sta dedicando anche mediante l’abbattimento delle barriere fitosanitarie”.
Tiberio Rabboni, Assessore Agricoltura Regione Emilia-Romagna, in conclusione del Convegno e in risposta alle sollecitazioni di Claudio Gamberini di Conad ad intervenire sulla promozione attraverso il connubio frutta/salute, lancia una proposta:
“Ritengo che in questo momento sia molto importante aprire i nostri orizzonti e costruire partnership istituzionali con tutte le regioni ad elevata specializzazione frutticola. Il caso della Catalonia, con la quale si è già avviato questo processo di scambio ne è un esempio.
In tale ottica poi – conclude Rabboni – sarei molto soddisfatto se riuscissimo a condividere a livello istituzionale, di produzione e di distribuzione un progetto articolato per promuovere il consumo di frutta e verdura partendo dal valore salutistico dei prodotti”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.