Frutta e verdura di stagione

Sana, fresca, buona e anche bella, la frutta italiana vince le olimpiadi del sapore.
Certo che l’esagerazione non porta benefici a nessuno e l’eccessiva siccità sta creando non pochi problemi a buona parte delle colture agricole del nostro Paese. Spezza il cuore vedere centinaia di ettari di terreni investiti a mais, o a sorgo, essere letteralmente bruciati dal sole e per la maggior parte senza spighe; a fronte di produzioni normali di cento o centodieci quintali di granella per ettaro, un amico e collega maiscoltore ne ha raccolti venti, le produzioni foraggere sono anch’esse in apnea ed avremo ripercussioni sulle produzioni di latte e carne, per non parlare dei campi di soia o di bietole da zucchero, dove le produzioni si sono praticamente azzerate. In questa estate rovente, si salvano, per ora, solo una parte di produzioni orticole e frutticole, ma, si badi bene, solo quelle specializzate e condotte dai professionisti del settore, professionisti che impiegano le più moderne tecniche agronomiche per non sprecare la più preziosa risorsa agraria che è l’acqua, inoltre cercano di creare, nei campi, le condizioni ideali in fatto di struttura del terreno, umidità, elementi nutritivi, difesa antiparassitaria e così via, il tutto per consentire alla filiera di portare al consumatore un prodotto sano, fresco, buono e anche bello. In questo momento stanno reagendo molto bene, in termini di qualità, le produzioni orticole quali i meloni e le angurie, ma anche i pomodori, i peperoni, le melanzane, le zucchine, e, fra le piante a foglia, le scarole imbiancate, le lattughe cappucce e i sedani. Fra la frutta riscontriamo alta qualità nelle pesche e nelle nettarine (pesche noci), nelle susine e nelle albicocche che stanno per chiudere una campagna produttiva e commerciale di tutto rispetto. Sul mercato, sempre parlando di frutta dell’Emilia Romagna, abbiano l’inizio della comparsa delle pere nelle varietà precoci “Morettini”, “Santa Maria”, “William” e”William rosso”, sono varietà che hanno sentito poco la carenza di acqua, mentre, al contrario, gli addetti ai lavori sono preoccupati per il futuro delle varietà “Conference”, “Decana del Comizio” e “Abate Fetel”, che potrebbero rispondere alla carenza di acqua con pezzature dei frutti decisamente inferiori alla media e con un calo produttivo che potrebbe superare il 30/35 %, non solo rispetto alla passata annata, ma anche rispetto alla media degli ultimi cinque anni.
( dai grossisti del mercato ortofrutticolo di Bologna )

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.