Frutta e verdura: nel 2011 gli italiani hanno speso 13,4 miliardi di euro. La regina è la mela


Le famiglie italiane nel 2011 hanno acquistato 8,3 milioni di tonnellate di frutta e verdura fresche e surgelate per una spesa di 13,4 miliardi di Euro. E’ la sintesi dei dati annuali dell’Osservatorio dei Consumi ortofrutticoli delle famiglie italiane di MACFRUT (curato da GFK-Eurisko).
«L’Osservatorio è uno strumento di indagine e conoscenza che ogni mese monitora la spesa degli italiani –spiega Domenico Scarpellini, Presidente di Macfrut- e che abbiamo attivato per fornire un servizio ad operatori e ricercatori, perché Macfrut non è soltanto l’esposizione di tutta la filiera ortofrutticola, ma è un punto di incontro e di interesse per tutto l’anno, con attività di notevole spessore: dalla preparazione dei convegni alle missioni all’estero (assieme alle imprese), dall’impegno per l’internazionalizzazione a quella per l’innovazione di processo e di prodotto».
L’Osservatorio ci dice che rispetto al 2010, il 2011 ha segnato una leggera contrazione del monte degli acquisti, ovvero da 8.481.373 ton. a 8.395.973 ton., con un -1% e un piccolo incremento della spesa totale pari al +0,21% (da 13 miliardi e 376,6 a 13 miliardi e 405,6 milioni di Euro).
I dati da interpretare sono un buon incremento delle famiglie acquirenti (+1,6% consentendo di raggiungere il 99,9% del totale nuclei familiari) e il calo del -2,6% dei quantitativi comperati da ogni famiglia (346,70 kg nel 2011 contro 355,99 kg/famiglia nel 2010), che porta ad un ribasso del -1,13 della spesa: ogni nucleo familiare ha speso nell’anno 2011 582,43 Euro per frutta, verdura e ortaggi surgelati a differenza dei 588,11 sborsati nel corso del 2011.
Crisi, diminuzione della disponibilità economica, nuovi modelli alimentari possono essere motivi e concause, che verrano approfonditi, assieme ad una maggior analisi dei dati a MACFRUT 2012, che si terrà a Cesena dal 26 al 28 settembre. Macfrut è la rassegna internazionale dedicata alla filiera ortofrutticola ed è il punto di incontro di tutto il settore con una forte partecipazione di operatori e imprese estere, con incontri B2B programmati e una convegnistica di alto profilo.
Ritornando ai Dati dell’Osservatorio dei consumi, va sottolineato che la mela, con 825.000 tonnellate rimane al primo posto come frutta regina delle tavole italiane, insidiata dall’arancia che si “ferma” a 605.000 ton. acquistate seguita dalla banana (450.000 ton.).
Con 722.000 tonnellate, la patata (compresa la novella), è stata la verdura preferita nella borsa della spesa dei nuclei familiari italiani nel 2011, seguita dal “classico” pomodoro (575.000 ton.).
Molto rilevante, per produttori ed operatori della filiera ortofrutticola, è il monitoraggio che l’Osservatorio di Macfrut compie sui canali di acquisto.
Frutta fresca – L’acquisto di frutta delle famiglie italiane nel 2011 è avvenuto per il 51,4% in iper e supermercati (2010: 51,1%) e per il 6,3% in discount (6,2% nel 2010). Per la prima volta da qualche anno c’è un leggero incremento per fruttivendoli e negozi specializzati: dal 19,8% di quota valore del 2010 si è passati al 19,9% del 2011, mentre proseguono il lento calo ambulanti e mercati, che dal 21,7% del 2010 passano al 21,2% del 2011. Leggero rialzo per le percentuali delle altre forme (cash & carry, spacci aziendali, porta a porta, regalo, ecc), attestate sullo 1,2% (2010: 1,1%).
Verdura fresca – Anche per l’acquisto di verdura oltre la metà delle famiglie italiane nel 2011 si è rivolta alla Distribuzione Moderna: iper e super 51,8% (2010: 51,5%) e discount 8,1% (2010: 8,0%). La spesa fatta da ambulanti e mercati cala al 22,0% dal 22,7% del 2010, a differenza del fruttivendolo che con il 17,1% del 2011 recupera sul 17% secco del 2010. Leggero incremento anche per le altre forme di acquisto (cash & carry, spacci aziendali, porta a porta, regalo, ecc), che passano dallo 0,8% del 2010 all’ 1% del 2011.
Ortaggi surgelati – In questo comparto ha sempre avuto grosse quote la Distribuzione moderna che, per la prima volta, rallenta la sua crescita e a fronte del 77,1% sul totale della spesa di surgelati realizzato nel 2010, nel 2011 scende con iper e supermercati al 76,8%. Anche il discount ha una piccola flessione: dal 12,6% del 2010 al 12,4% del 2011. Crescono il fruttivendolo, raggiungendo quota 4,1% (2010: 3,8%), l’ambulante / mercato rionale da 0,1 a 0,2% e le altre fonti (dal 6,4% del 2010 al 6,5% del 2011).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.