Fusti tossici interrati, sopra pomodorini dop del Vesuvio

corpo forestale 2Rifiuti tossici sotterrati a un metro di profondità, in un fondo agricolo su cui si coltivavano i famosi pomodorini dop “del Piennolo”, sono stati scoperti oggi nel Parco Nazionale del Vesuvio dagli uomini del Corpo Forestale dello Stato. I rifiuti, circa trenta fusti contenenti materiale bituminoso e idrocarburi, sono stati trovati nel corso di scavi disposti nell’ambito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli a cui hanno preso parte anche i carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico. Le forze dell’ordine hanno messo sotto sequestro l’area e la produzione, per impedire che i pomodori finissero nei mercati del Napoletano.
Sia le piantine che i fusti sono stati sottoposti a un campionamento: sui prelievi sarà eseguita una specifica caratterizzazione fisico-chimica, attraverso analisi di laboratorio, da parte dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente (Arpac). Analisi disposte per accertare eventuali rischi per la salute dei consumatori. I fusti sarebbero di tipo industriale e avrebbero una capacità di circa 200 litri: ciascuno contiene scarti speciali pericolosi di origine catramosa e oli esausti.
Nella cava dismessa di Ercolano (Napoli), su cui era stata avviata la produzione dei pomodorini dop, oltre ai fusti sono stati anche trovati materiali di risulta edile, parti di manto stradale e amianto frantumato. I veleni si trovavano una profondità variabile tra i trenta centimetri e il metro e mezzo. Le ricerche dei rifiuti illegalmente interrati sulle pendici del Vesuvio sono iniziate qualche settimana fa e proseguiranno anche nei prossimi giorni.
Gli inquirenti, infatti, non escludono che nella zona siano stati nascosti altri scarti dello stesso tipo. L’area del ritrovamento, infatti, è vicina al luogo dove il 2 ottobre scorso furono trovati una quarantina di fusti contenenti rifiuti speciali pericolosi, amianto frantumato, materiale di risulta proveniente da demolizioni e residui di manifattura di pellame. “Un ritrovamento che inquieta e allarma, ma che non ci meraviglia”, ha commentato, in una nota, Legambiente. “Sin dagli inizi degli anni ’90 – ricordano gli ambientalisti – l’ecomafia dei rifiuti ha regnato alle pendici del Vulcano dove, attraverso le cave, si realizzava il primo anello del circuito economico della rifiuti Spa”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.