Galan, il mondo dell’ippica deve ripartire da zero

L’ippica italiana ha perso negli ultimi anni il 94% degli spettatori negli ippodromi e quasi la metà dei volumi di gioco. Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Giancarlo Galan, è intervenuto sul tema dell’Ippica al termine del Consiglio dei Ministri: “Ho esposto al Consiglio dei Ministri la difficile situazione in cui si trova l’ippica italiana. – ha detto Galan – Settore che negli ultimi anni ha mostrato di trovarsi in un persistente stato di crisi finanziario-organizzativo. Il settore ha continuato ad impiegare tutte le risorse disponibili senza porre in essere alcuna politica di investimento allo scopo di invertire gli andamenti in atto. Probabilmente a seguito anche – ha proseguito Galan – di un mancato supporto che avrebbe dovuto esserci da parte dell’ente pubblico di riferimento (Unire) che si è adagiato su modelli di operatività poco trasparenti e per nulla in linea con i tempi.” “Dopo aver esposto questa situazione ho proposto al Consiglio dei Ministri di costituire una Comitato interministeriale composta da membri scelti dai Ministeri delle Politiche agricole, delle Politiche comunitarie, dell’Economia e dell’Interno, in modo che possano individuare fin da subito una linea direttrice per una rivisitazione ab imis fundamentis del sistema dell’ippica e del suo ente di riferimento. La proposta è stata accolta dal Consiglio dei Ministri. Sono certo che si tratti di un passo importante che consentirà di affrontare la situazione con la dovuta serietà e competenza.”

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.