Gastronomia: un manifesto per tregua tra ristoratori e sagre

Stop alla guerra tra ristoratori e sagre. La proposta di tregua arriva da Montecatini Terme (Pistoia) dov’è in corso la manifestazione enogastronica ‘Territori in festival’. Un pool di esperti, coordinati dal ‘gastronauta’ Davide Paolini, ha presentato il ‘Manifesto delle Sagre’ dove vengono proposte le linee guida per riconoscere e distinguere la ‘Sagra autentica’ da eventi che poco hanno a che fare con la valorizzazione di un territorio e dei suoi prodotti. Partendo proprio da questo principio il Manifesto delinea, attraverso sette punti, una serie di parametri a uso e consumo di quel micro turismo mosso e alimentato proprio da un rinnovato interesse verso la sagra. Secondo il manifesto, perchè ”una sagra si possa definire ‘tradizionale’ deve possedere almeno un passato legame tra il prodotto e il suo territorio, documentato da tradizione orale e scritta”. Tra le accuse che le associazioni dei ristoratori hanno mosso alle sagre i tempi di svolgimento troppo lunghi e la ”concorrenza sleale” sulle normative. Su quest’ultimo punto il manifesto propone che la sagra non abbia una finalità speculativa. ”Non deve essere – secondo gli estensori – uno strumento di business e profitto, ma un veicolo di valorizzazione del territorio e della comunita’. In questo modo la sagra diventa un’occasione per la comunità locale (operatori commerciali e non) per riflettere sulle proprie origini e sulle proprie risorse. La sagra deve garantire al meglio la tracciabilità, la divulgazione, la conoscenza dei propri prodotti e la trasparenza fiscale”. E per la loro durata temporale il manifesto propone, come limite massimo, ”una settimana”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.