Giappone: la Ue chiede ai 27 le analisi sui prodotti importati

La Commissione europea ha chiesto alle autorita’ sanitarie di ogni Stato membro di inviare a Bruxelles un rapporto sulla situazione delle analisi e dei controlli effettuati sulle importazioni di prodotti alimentari e alimenti per animali dal Giappone, in particolare dalle zone interessate dalle conseguenze dell’incidente alla centrale nucleare di Fukushima. ”Attendiamo che ogni Stato membro faccia un rapporto sul punto della situazione” in modo da avere una visione globale in materia di sicurezza alimentare, ha detto all’Ansa Frederic Vincent, portavoce del commissario europeo alla sanita’ John Dalli. Il portavoce ha anche ricordato che Bruxelles effettua un monitoraggio quotidiano della situazione ed e’ sempre in contatto sia con le autorita’ giapponesi, che con gli Stati membri via il sistema di allerta rapida europeo. Al momento, tutte le importazioni alimentari dal Giappone – in realta’ molto limitate – devono essere certificate al 100% dalle autorita’ giapponesi. Quanto poi giungono alle frontiere europee, le autorita’ doganali dell’Ue sono tenute ad effettuare ulteriori controlli. In base agli ultimi dati del 2010, l’Ue ha importato dal Giappone alimenti per 65 milioni di euro tra prodotti alimentari, della pesca e ortrofrutta (9mila tonnellate). Le importazioni in Italia sono minime; i primi clienti del Giappone sono Germania, Olanda, Regno Unito, Belgio e Francia”.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.