Giovani in agricoltura: Agia (Cia), priorità banca della terra e tutoraggio

agricoltura generica1
Bisogna procedere a una veloce approvazione del ddl Bertuzzi, che contiene misure per la competitività dell’imprenditoria giovanile e il ricambio generazionale in agricoltura, puntando sulla realizzazione della Banca della Terra e sull’accesso al credito semplificato. Ma soprattutto è necessario che il disegno di legge sia corredato da un’adeguata dotazione finanziaria, altrimenti si corre il rischio che i provvedimenti restino solo sulla carta. Sono queste in sintesi le osservazioni dell’Agia-Cia sul ddl 287, ora in esame al Senato, inviate al presidente del Comitato ristretto della Commissione agricoltura di Palazzo Madama, Franco Panizza. Affinché i giovani possano sviluppare con successo il proprio progetto di vita scegliendo la professione di agricoltore, vivendo nelle aree rurali – si legge nella nota dell’Agia – è innanzitutto necessaria la condizione di un agile reperimento del bene terra, al giusto valore. Per questo serve la Banca della Terra: si tratta di dare vita a un archivio pubblico che raccolga regione per regione tutti i lotti di terra disponibili, a partire da quelli demaniali, da destinare ai giovani agricoltori. Questa sorta di registro pubblico servirebbe come punto di riferimento fondamentale per tutti i giovani che vogliono affittare o comprare un terreno, favorendo in questo modo l’imprenditoria “under 40” e calmierando i prezzi di mercato. Allo stesso modo, per favorire il ricambio generazionale, serve “istituire il ‘tutoraggio’ a favore del giovane che subentra nella conduzione a un ‘over 65’ costruendo modelli formativi innovativi”, continua l’Agia-Cia, e anche “regolamentare i GAT (Gruppi di acquisto dei terreni), prevedendo forme di agevolazione, in materia di credito e di fisco, per le cooperative gestite in prevalenza da giovani”. Quanto alla questione del credito, se oggi tre imprese agricole su cinque denunciano difficoltà enormi nell’accesso ai finanziamenti, tra le aziende “young” la percentuale sale a quattro su cinque. Ecco perché “per rendere più facile l’erogazione di credito da parte del sistema bancario e finanziario – si legge nelle osservazioni dell’Agia – è necessario che gli affidamenti delle banche ai giovani non siano effettuati sulle scorte delle garanzie patrimoniali, ma sulla validità dell’investimento proposto”. Più in generale, serve ottimizzare il sistema delle garanzie pubbliche, costruendo sinergie tra struttura nazionale e strutture regionali e soprattutto potenziando i Confidi sul territorio.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.