Gli italiani a tavola: la priorità resta la tradizione


Gli italiani mangiano sempre meno e, complice probabilmente la crisi economica, limitano gli sprechi orientandosi verso prodotti tradizionali. Inoltre, si preferiscono primi piatti e contorni rispetto ai secondi, aumenta il consumo di spuntini e merendine e si spendono circa 5 euro a testa al giorno per mangiare a casa. E’ la fotografia dei consumi alimentari come risulta da una ricerca Fipe Confcommercio presentata a ‘Sapore 2012’, la fiera dedicata all’alimentazione in programma a Rimini da oggi a martedì. “Sono dati che in qualche modo ci aspettavamo – ha commentato il vicepresidente Fipe, Alfredo Zini – Il segreto per gli imprenditori della ristorazione è sempre quello di adeguare l’offerta alla domanda, anche quando muta così profondamente nel corso dei decenni”. Secondo la ricerca a tavola gli italiani amano, o riscoprono, la tradizione: negli ultimi quattro anni sono aumentate dell’8% le specialità gastronomiche regionali acquistate. La cucina etnica resta ‘attraente’ ma incuriosisce un italiano su quattro. Riducendosi le quantità, cala anche la spesa alimentare: negli ultimi cinque anni sono stati spesi oltre 7 miliardi in meno per i pasti in casa e più di un miliardo in meno per mangiare al bar o al ristorante. In generale si consumano meno pesce, caffé, bevande, pasta e cereali. A livello di spesa alimentare, in base ai dati Istat 2010 si spendono 215 miliardi, di cui 142,5 per comprare soprattutto pane, carne, latte, latticini e uova da mangiare a casa. A livello di consumo, però, c’è una novità nel paniere: pesano di più pane e cerali, dolci e bevande, mentre scende il peso di carne, pesce e latte. A livello di spesa reale, quella alimentare è cresciuta poco rispetto ad altre: 0,7% di tasso medio annuo in 40 anni rispetto a quella per le comunicazioni (+6,2%, ma va considerato il livello modesto di spesa in questo settore negli anni ’70) e della salute (+5,6% anche per l’invecchiamento crescente della popolazione e per una maggior cura della persona). In poco meno di mezzo secolo la spesa alimentare è scesa del 20% nel budget destinato ai consumi. Al momento della spesa, quindi, gli italiani sono per un confronto più ragionato dei prodotti in base a prezzo e qualità, e sono più pronti anche a cambiare marca. Al cibo viene destinato meno di un quinto dei soldi spesi per tutti gli acquisti (19% dei consumi, che nelle famiglie giovani scende al 14%) con una situazione sempre più vicina al livello di guardia. Ma paradossalmente più del 50% pensa che in casa si spenda molto per il cibo, forse influenzato psicologicamente dalla spesa del supermercato dove si cerca di riempire il carrello. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.