Gli ultimi 10 anni sono stati i più caldi del secolo

Il decennio appena terminato e’ stato il piu’ caldo da quando si e’ iniziato a registrare le temperature, alla fine dell’Ottocento. La conferma di questo dato, gia’ anticipato dalla Nasa, viene dal rapporto preliminare del Noaa, l’agenzia statunitense per l’atmosfera, che piazza anche il 2009 al quinto posto tra gli anni piu’ caldi dal 1880, a pari merito con il 2006. Un dato che preoccupa anche la Coldiretti per gli effetti sull’agricoltura, compresa quella italiana e i prodotti del made in Italy. L’associazione che segnala lo studio americano, spiega infatti che la temperatura media globale sulla terra e sugli oceani dei primi dieci anni del terzo millennio (2000-2009) e’ stata la piu’ elevata mai registrata con un valore di 14,3 gradi, superiore dello 0,3 per cento a quella della decade precedente. E nonostante le nevicate e i freddi pungenti delle giornate attorno a Natale possano aver fatto credere il contrario, il 2009 e’ stato un anno da caldo record. Dall’Osservatorio geofisico dell’Universita’ di Modena e Reggio Emilia esce un quadro di sintesi dell’anno appena conclusosi che colloca l’anno 2009, al secondo posto per Modena e al quinto per l’Italia e per il pianeta Terra fra gli anni piu’ caldi. Una delle caratteristiche salienti e’ stata quella di numerosi e frequenti sbalzi termici. Il 21 dicembre la giornata piu’ fredda e il 17 luglio quella piu’ calda. Tra gli effetti del riscaldamento del Pianeta c’e’ la sottrazione alla coltivazione dei terreni piu’ fertili anche per effetto dei fenomeni di erosione dovuti all’innalzamento dei mari. Un rischio che in Italia riguarda direttamente la pianura padana dove si coltiva un terzo del made in Italy agroalimentare. Il riscaldamento provoca pero’ anche, sottolinea la Coldiretti, il cambiamento delle condizioni ambientali tradizionali per la stagionatura dei salumi, per l’affinamento dei formaggi o l’invecchiamento dei vini. Una situazione che, di fatto, prosegue l’associazione, mette a rischio di estinzione il patrimonio di prodotti tipici made in Italy. Colture come l’olivo che e’ arrivato quasi a ridosso delle Alpi e nella Pianura Padana dove si coltivano grandi quantita’ di pomodoro e di grano duro per la pasta. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.