Granterre: bilancio super, il miglior risultato degli ultimi 10 anni

Il Consorzio Granterre, leader nel mercato del Parmigiano Reggiano, chiude un 2009 decisamente positivo: l’utile di esercizio del bilancio consolidato è stato di 3,2 milioni di euro, in crescita di 6 milioni di euro rispetto al 2008, con una riduzione dell’indebitamento finanziario netto di 33 milioni di euro. E’ il miglior risultato del Gruppo degli ultimi 10 anni. Il bilancio e’ stato presentato questa mattina all’Assemblea dei soci , un bilancio decisamente positivo, frutto sia degli importanti risultati raggiunti nelle vendite di prodotti confezionati, sia del cambiamento del mercato e del miglior andamento delle quotazioni del Parmigiano-Reggiano – che si è riflesso positivamente sulla produzione di latte – sia della riduzione dei costi finanziari per effetto dei minori tassi di mercato e della riduzione dell’indebitamento finanziario netto.Il fatturato consolidato è stato di 223 milioni di euro; di questi, il 13,5% è rappresentato dall’export, in crescita del 12% sul 2008
Le performance dei prodotti a marchio
La strategia commerciale si è focalizzata sullo sviluppo dei prodotti confezionati, in particolare a marchio Parmareggio, supportato anche nel 2009 da una efficace campagna comunicazionale, caratterizzata dal “topolino intenditore”. I risultati di questa strategia sono stati oltremodo lusinghieri: il *fatturato dei prodotti a marchio Parmareggio ha infatti superato i 56 milioni di euro*, con un incremento del *15,7%* sul 2008.Parmareggio 30 mesi, Parmareggio Grattugiato 30 mesi, Parmareggio Snack sono i prodotti di punta di una gamma unica e completa in grado di soddisfare il consumatore con Parmigiano Reggiano di alta qualità da gustare a tavola, come sfizioso snack o come merenda ideale per bambini e ragazzi. Proseguendo nella costante ricerca di nuovi prodotti innovativi, nel corso del 2009 sono poi stati lanciati i Parmareggini e le Parmareggine, formaggini e fettine a base di Parmigiano Reggiano. Positive anche le vendite dei marchi di proprietà del Gruppo: Parmissimo ed Unigrana.*
Complessivamente il fatturato dei tre marchi ha ormai raggiunto il 40% del fatturato consolidato.*
Le vendite per tipologia di prodotto
Le vendite di formaggio confezionato sono state pari a circa 120 milioni di euro, con una crescita del 6,3% sul 2008 ed una incidenza sul fatturato complessivo salita dal 46% al 54%.In coerenza con la strategia definita, sono ulteriormente calate le vendite di formaggio in forme intere che nel 2009 sono state pari a circa 64 milioni di euro, pari al 29% del fatturato consolidato
Per quanto riguarda il burro, che rappresenta circa il 10% del fatturato del Gruppo, nel corso del 2008 è stato lanciato il Burro Parmareggio, che ha sviluppato nel 2009 ottimi risultati. Infatti il fatturato di questo prodotto ottenuto principalmente dalle creme del latte dei Caseifici di Parma, Reggio Emilia e Modena, è più che raddoppiato rispetto all’anno precedente.
Migliora la redditività e si riduce l’indebitamento finanziario
Prosegue il *miglioramento del margine operativo lordo*, che nell’esercizio 2009 si attesta a circa *18,4 milioni di euro*, con un incidenza sul fatturato che passa *dal 7,5% al 8,2%*, /pur avendo interamente spesato nell’esercizio i costi sostenuti per la comunicazione televisiva, pari a circa 3 milioni di euro, a differenza del 2008 in cui tali costi vennero capitalizzati./Si dimezzano gli oneri finanziari netti,* che si attestano a *5 milioni di euro*, per effetto sia dei minori tassi di interesse di mercato che della significativa riduzione dell’indebitamento finanziario netto, che a fine 2009 si attesta a circa 166 milioni di euro: *-33 milioni di euro sul 2008.*
Destinazione dell’utile
Questi positivi risultati hanno consentito di sottoporre all’odierna Assemblea dei Soci una proposta di destinazione dell’utile dell’esercizio che prevede di destinare ai soci oltre un milione di euro sottoforma di dividendi e di ristorno sui conferimenti.*
Rapporto sociale e risultati società controllate
Si è ulteriormente consolidato e rafforzato il rapporto con i soci conferenti.
Nell’esercizio le forme di Parmigiano Reggiano conferite, insieme a quelle di diretta produzione, sono state 193.384, mentre quelle di Grana Padano sono state 44.546.
Un centinaio di allevamenti soci hanno conferito oltre 330 mila quintali di latte destinato alla produzione di Parmigiano Reggiano.Significativi sono stati anche i conferimenti di panne (oltre 43 mila quintali in resa burro) e di siero (oltre 426 mila quintali), quest’ultimo, insieme a quello di altri caseifici, lavorato dalla società collegata Serum Italia Srl, che ha velocemente sviluppato la propria attività di concentrazione del siero che ormai supera i 6.500 quintali al giorno.La società controllata Happyflor Srl, operante nel settore florovivaistico, conferma anche per il 2009 risultati molto positivi e consolida la sua attività ed il rapporto con la sua clientela.
Risorse Umane
Da sottolineare, in un anno caratterizzato da grandi tensioni sull’occupazione, la sostanziale stabilità degli organici del Gruppo a 398 unità.
Il nuovo assetto societario del Gruppo Granterre e il piano industriale 2010-2012*/
Il 2009 di Granterre si è caratterizzato anche per un importante processo di semplificazione societaria, finalizzato alla razionalizzazione e concentrazione delle attività della cooperativa e delle sue controllate, che ha visto l’incorporazione in Parmareggio Spa di Fiordalba Srl e Bonlatte Srl.E’ stato avviato anche un importante progetto di riorganizzazione dell’area produzione zoo-casearia, teso a qualificare e rafforzare maggiormente la base sociale del Consorzio, semplificando e snellendo la gestione operativa del Gruppo, focalizzandola maggiormente sulla “mission”, ripensata e condivisa nel corso del 2009: soddisfare il consumatore con prodotti di alta qualità ed innovativi, valorizzando il prodotto dei soci.In particolare il Gruppo Granterre ha partecipato alla costituzione a Castelfranco Emilia (MO) della nuova cooperativa Bonlatte Sca, formata da 15 soci, alla quale ha successivamente affittato un ramo d’azienda costituito dal Caseificio di Riolo, che trasformerà in Parmigiano-Reggiano oltre 115.000 quintali di latte, e di due allevamenti a Manzolino, con oltre 1.000 bovini.E’ stato realizzato inoltre un processo di integrazione tra il Consorzio Granterre Sca e la Cooperativa Casearia Castelnovese Sca, con il conferimento a quest’ultima del Caseificio Ca’ Vecchino di Ospitaletto e del Caseificio Valnirano di Fiorano, che le consentirà nel 2010 di trasformare, con 73 caldaie nei 3 impianti, oltre 260 mila quintali di latte conferito da 79 produttori.Infine nello scorso mese di gennaio il Consiglio di Amministrazione del Consorzio ha approvato il *nuovo piano industriale 2010-2012* che riguarderà la Cooperativa e tutte le società controllate, per migliorarne sia la redditività che la gestione.Nonostante un contesto difficile, caratterizzato da una crisi globale che si trascina con poche prospettive di crescita dell’economia ed una crisi dei consumi che ha visto diminuito il potere di acquisto delle famiglie che probabilmente continuerà a non aumentare anche per il 2010, il Gruppo Granterre ha reagito con prontezza e determinazione riuscendo a realizzare un risultato decisamente positivo.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.