Gratta e bussa per scegliere un buon cocomero

cocomero 2Quando l’afa non dà tregua ci si affida al cocomero. Mangiato dagli egiziani già 4000 anni fa, e’, infatti, il frutto ideale per combattere il caldo. Appartenente alla famiglia delle zucche e’ praticamente una bibita, visto che contiene il 95% d’acqua tanto che in alcune regioni d’Europa e’ chiamato ”melone d’acqua”. Ma come scegliere una gustosa anguria? ”Un buon cocomero si riconosce dalla buccia – spiega Primo Mastrantoni segretario dell’Aduc – che deve essere di color verde scuro o con venature grigie. Inoltre alla percussione con le nocche delle dita deve dare un suono ‘sordo”’. Un tempo per controllarne la qualita’ se ne assaggiava un tassello, ma oggi questo non e’ piu’ possibile. Di qui il suggerimento di un altro espediente pragmatico: ”grattate la buccia con l’unghia se viene via facilmente il cocomero e’ maturo al punto giusto”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.