Habitat naturali: in Italia peggiora lo stato di conservazione

delta del po1
Allarme rosso in Italia per dune, paludi e foreste, ma anche per ambienti di acqua dolce, coste e praterie, che fanno parte della rete dei siti protetti Ue legati alla direttiva Habitat: a lanciarlo è l’ultimo rapporto di Bruxelles intitolato ‘State of the Nature’, che rileva un notevole peggioramento della salute di questi habitat nel Belpaese fra il 2007 e il 2012 rispetto al periodo precedente, cioè fra il 2001 e il 2006. Il documento è stato reso noto oggi. Stabili invece fra 2007 e 2013 le inadeguate o cattive condizioni di conservazione per circa la metà delle diverse specie di flora e fauna protetti dalla stessa direttiva, in particolare per pesci e molluschi. I dati italiani nel 2012 contavano 2576 fra siti di importanza comunitaria (Sic) e zone di protezione speciale (Zps), di cui solo 1011, cioè il 43%, risultavano coperti da piani di gestione e misure di conservazione, mentre altri 692 erano in fase di preparazione. Secondo il rapporto, nel complesso oltre il 60% degli habitat protetti dalla direttiva Habitat nel 2013 non godeva di buona salute, il doppio rispetto al 2007. In particolare, il 90% delle dune risulta in condizioni di conservazione cattive o inadeguate, così come oltre l’80% delle aree paludose e il 79% delle foreste, seguiti da oltre il 60% di ambienti di acqua dolce, aree costiere e praterie. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.