I delfini guardiani in missione

Si conclude la tappa “archeologica” del progetto di Marevivo dedicato ai ragazzi dei comuni costieri e delle isole minori “Tra i senatori serpeggia malumore”: sembra una battuta da talk-show politico ed, invece, è il messaggio che i ragazzi del progetto di Marevivo ‘Delfini guardiani’, giocando al telefono senza fili, hanno intercettato, con la fantasia, dal faro di Ostia a quello di Capri. Riscoprire la vita degli antichi romani esplorando Villa Jovis, la residenza-roccaforte dell’imperatore Tiberio a Capri, è stata la tappa di febbraio – terminata pochi giorni fa – dell’innovativo percorso di educazione ambientale che Marevivo ha studiato per i ragazzi abitanti delle isole minori e dei comuni costieri, con l’obiettivo di formare dei protagonisti nella salvaguardia del proprio territorio.Oltre 150 alunni delle scuole primarie di Capri e Anacapri – guidati dagli esperti di Marevivo, l’associazione in difesa del mare presieduta da Rosalba Giugni – hanno perlustrato la villa dello schivo imperatore attraverso il gioco. Nell’apodyterium, lo spogliatoio che precede le terme, i ragazzi, divisi in squadre, hanno ricostruito, attraverso delle sagome, l’abbigliamento tipico di un patrizio, di un plebeo e di uno schiavo. Nel triclinium, invece, Francesca Avagliano, interprete naturalistica e storica dell’arte, ha illustrato ai bambini di quarta e quinta elementare un menù davvero speciale: tra un ghiro farcito con pinoli e un fenicottero lesso con contorno di pomodorini, cosa gli antichi romani non avrebbero mai potuto mangiare?
Tutti a bordo della macchina del tempo negli ambienti della villa che erano adibiti allo spettacolo: i bambini di oggi hanno improvvisato canzoni e “tarantelle” per intrattenere il tormentato imperatore Tiberio. E se il tempo è brutto c’è “un giorno al Museo”: nelle quattro sale del Museo “Ignazio Cerio” sono conservati oltre 20.000 reperti, tra conchiglie, fossili di orso, elefante, ippopotamo, cervo nano e la meravigliosa lucertola blu che vive solo sui Faraglioni.
A giugno, al termine del percorso, i ragazzi riceveranno il distintivo di “guardiani dell’isola”, che darà loro il diritto di presentarsi, senza accompagnatori adulti, alla Capitaneria di Porto o ai Comuni per segnalare eventuali problemi di carattere ambientale. Mentre, ad alcuni di loro che, quest’anno, seguiranno la seconda edizione del percorso didattico, sarà assegnato il diploma di guardiani senior.
Alla realizzazione del progetto collaborano Federazione Italiana Vela, Yacht Club Capri, Associazione Capri Outdoor e Associazione Sub Capri. Dopo i buoni risultati dello scorso anno, l’associazione Marevivo continua il suo impegno nei confronti delle nuove generazioni, questa volta supportata economicamente dai Comuni di Capri e Anacapri – che hanno apprezzato il lavoro svolto nel 2010 – e col patrocinio del Ministero dell’Ambiente, del Ministero della Pubblica Istruzione, del Corpo Forestale dello Stato, della Guardia Costiera, della Capitaneria di porto e della Società Caremar.
Il progetto “Delfini guardiani”, ideato da Marevivo, è un format che altre isole e comuni costieri stanno adottando: solo una coscienza diffusa, che parta dai più giovani, può provocare un cambiamento di rotta, indispensabile per proteggere un territorio tanto prezioso e fragile come le piccole isole del nostro Paese.

Un Commento in “I delfini guardiani in missione”

Trackbacks

  1. I delfini guardiani in missione | Con i piedi per terra

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.