I giovani battono la crisi con nuovi agro-business

fichi indiaDagli ‘agrimobili’ interamente rivestiti di fibra di fico d’India al prato ‘pret a porter’ tipo tovaglia da srotolare e adagiare in qualsiasi luogo, agli ‘agrivestiti’ realizzati solo con tessuti naturali e colori ricavati dall’orto. I giovani imprenditori agricoli puntano su innovazione, ecologia e originalità per battere la crisi e competere su mercati sempre più esigenti. Le ultime novità del settore sono state presentate oggi nell’ ‘Open space della creativita’ contadinà all’assemblea dei giovani della Coldiretti. “Esperienze curiose e innovative realizzate da giovani agricoltori – spiega l’organizzazione agricola – che hanno trasformato con il loro entusiasmo e anche con un pizzico di coraggio le loro passioni e i loro sogni in vere e proprie attività imprenditoriali”. Tra gli agricoltori ‘new wave’ spicca l’imprenditrice piemontese che ha trasformato la sua passione per la cucina in una fortunata attività aziendale e sforna apprezzati dolci dove la sostanza dei prodotti locali si abbina all’arte del cake design che fa tendenza in pasticceria. Per non parlare dei due giovani tecnologi alimentari lucani che hanno avuto l’idea di coltivare funghi sui fondi di caffé. E ancora, il contadino etneo che sfrutta il clima ormai equatoriale della sua terra per farne un Eden tropicale dove produce prelibati frutti esotici esportati in tutta Euopa. Storie di ingegno, di passioni e di incontri – afferma la Coldiretti – come nel caso delle due amiche pugliesi, la prima imprenditrice agricola e la seconda stilista, che insieme decidono di fondere le loro conoscenze per lanciare la prima linea di “agrivestiti” realizzati solo con fibre naturali come il lino e il cotone e tinti con i colori che offre l’orto come la cipolla rossa e dorata, la rapa rossa, il cavolo viola, i carciofi, fino ai mirtilli, edera, melograno e ortica. Tra gli innovativi agricoltori c’é anche quel florovivaista di Recanati che ha ideato il tappetino di prato pronto all’uso da piazzare ove si voglia che richiede pochissime cure per la presenza di piante particolarmente resistenti.. Per non parlare dell”agrimobilieré del Salento che è riuscito a ricavare dalla pianta tipica della sua terra, il fico d’India, una particolare fibra con la quale riveste mobili e complementi d’arredo.”Tutte queste esperienze – conclude Coldiretti – dimostrano che il settore agricolo si è rinnovato con l’ingegno dei giovani di imprenditori che non si arrendono di fronte alle difficoltà della crisi, ma lottano e sperimentano con successo nuove idee per guardare con ottimismo al futuro”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.