I mari si stanno ripopolando. Ue, bene sforzi per pesca sostenibile


Gli sforzi realizzati dalla commissione Ue per contenere ed eliminare l’eccessivo sfruttamento delle risorse cominciano a dare frutti: nei mari europei gli stock ittici che non risultano sovrasfruttati sono saliti a 20 dai 5 del 2009. A sancirlo un documento con cui si illustrano gli intenti della commissione europea sugli obiettivi di pesca per il 2013. Le riduzione effettuate negli ultimi anni hanno consentito anche di aumentare alcuni volumi per il 2012. L’incremento potrebbe generare non meno di 135 milioni di euro di entrate supplementari per l’industria della pesca. Secondo la commissione viene dimostrata l’efficacia delle conoscenze scientifiche per programmare strategie e obiettivi, con l’effetto di contribuire alla ricostituzione degli stock e di ridurre l’impatto ambientale della pesca. Secondo la commissione i successi ottenuti devono stimolare una revisione della politica comune della pesca, per trasferire esperienze e conoscenze e per applicare su ampia scala i metodi che si sono rivelati efficaci a lungo termine, integrandoli nell’elaborazione delle politiche e delle normative. L’eccessivo sfruttamento degli stock non può essere eliminato solo con i limiti annuali, quello che serve è invece una gestione di lungo periodo basata su solide basi scientifiche con l’eliminazione di pratiche devastanti come i rigetti in mare. Per gli stock per i quali non è stato formulato un parere scientifico occorre applicare il principio precauzionale.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.