Il 2011 anno ancora difficile per l’agricoltura


Per l’agricoltura italiana si annuncia un 2011 ancora difficile. Frena la produzione (meno 0,5-0,8 per cento) e il valore aggiunto che, pur registrando un aumento tra lo 0,7 e l’1,2 per cento, mostra un certo rallentamento rispetto ai risultati positivi dei primi mesi dell’anno e non recupera le forti perdite degli ultimi anni, soprattutto la caduta verticale del 2009. I costi (produttivi, contributivi e burocratici) sono in ulteriore crescita (piu’ 6 per cento), i prezzi sui campi sono in risalita (oltre il 10 per cento), ma ancora non remunerativi in quanto scontano il crollo degli anni passati; mentre i redditi degli agricoltori dovrebbero subire un nuovo ‘taglio’ tra il 2 e il 3 per cento.
Note positive, invece, per l’export (un aumento tra il 3 e il 5 per cento). I consumi alimentari domestici dovrebbero segnare un ulteriore ristagno (meno 0,5 per cento). Queste le prime stime della Cia-Confederazione italiana agricoltori che ha elaborato, sulla base delle rilevazioni Ismea, i dati in occasione dell’11 novembre, festa di San Martino che, per antica tradizione, si fa coincidere con la fine dell’annata agraria e l’inizio della nuova. Il calo produttivo -sottolinea la Cia nelle sue stime rese note all’apertura del Forum nazionale dell’agroalimentare di Cremona- e’ dovuto soprattutto alla contrazione di frumento (meno 6-8 per cento), vino (meno 10 per cento), olio d’oliva (meno 5 per cento), allevamenti suini e bovini (tra l’1,5 e il 3,6 per cento). Bene, invece, l’andamento del settore lattiero-caseario (piu’ 1,7 per cento il latte e oltre 2 per cento la produzione di formaggi) e quello ortofrutticolo (solo per la frutta si dovrebbe avere una crescita intorno all’1,5 per cento). Note positive si registrano -avverte la Cia- sul fronte dei prezzi all’origine che, dopo anni di drastici cali, dovrebbero segnare una ripresa, anche se le quotazioni restano poco remunerative per gli agricoltori che continuano a pagare i costi sempre piu’ pesanti che condizionano l’attivita’ imprenditoriale. Per quanto riguarda i consumi alimentari domestici, si stima un calo dei prodotti ittici, di frutta e agrumi, delle carni bovine, avicole e suine, dei derivati dei cereali (pane soprattutto). L’olio d’oliva dovrebbe presentare una crescita, mentre latte e derivati, ortaggi e patate dovrebbero registrare una sostanziale stabilita’.
Nel 2011 e’ previsto un calo (meno 3 per cento) degli investimenti imprenditoriali e il numero delle aziende dovrebbe segnare una nuova flessione: oltre 15mila in meno rispetto al 2010 con una contrazione del 2 per cento. Un quadro “allarmante” al quale si aggiunge il fatto che dal 2000 hanno chiuso i battenti piu’ di 500 mila imprese. Solo 112 realta’ imprenditoriali -conclude la Cia- hanno un conduttore giovane, il 6,6 per cento del totale. Il che significa che nell’agricoltura italiana non vi e’ ricambio generazionale: soltanto il 16 per cento delle nuove aziende e’ guidato da un “under 35” e solo nel 2,3 per cento delle aziende storiche e’ subentrato un giovane nella conduzione. Da qui l’impellente esigenza di un reale progetto di politica agraria nazionale, indispensabile per affrontare le sfide poste dalla Pac post 2013.
Nel 2011 e’ previsto un calo (meno 3 per cento) degli investimenti imprenditoriali e il numero delle aziende dovrebbe segnare una nuova flessione: oltre 15mila in meno rispetto al 2010 con una contrazione del 2 per cento. Un quadro “allarmante” al quale si aggiunge il fatto che dal 2000 hanno chiuso i battenti piu’ di 500 mila imprese. Solo 112 realta’ imprenditoriali -conclude la Cia- hanno un conduttore giovane, il 6,6 per cento del totale. Il che significa che nell’agricoltura italiana non vi e’ ricambio generazionale: soltanto il 16 per cento delle nuove aziende e’ guidato da un “under 35” e solo nel 2,3 per cento delle aziende storiche e’ subentrato un giovane nella conduzione. Da qui l’impellente esigenza di un reale progetto di politica agraria nazionale, indispensabile per affrontare le sfide poste dalla Pac post 2013. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.