Il caldo stronca anche i pomodori


Nell’area fra Mantova e Cremona, culla lombarda dell’oro rosso, le temperature africane di questi giorni stanno uccidendo le piante con un calo stimato di oltre il 20% della produzione, secondo una primo monitoraggio dei tecnici della Coldiretti.
“In una situazione normale di solito si viaggia sugli 800 quintali per ettaro – spiega Paolo Voltini, Presidente del Consorzio Casalasco – ma stavolta credo proprio che scenderemo a 600 quintali per ettaro”. I campi infatti sono stati stretti in una morsa di condizioni meteo estreme: prima le piogge torrenziali del mese scorso hanno allagato i campi e impedito lo sviluppo delle radici, mentre adesso l’afa africana sta indebolendo i pomodori, che seccano, facendo cadere fiori e frutti. “Sopra i 30 gradi le piante vanno in stress, non riescono piu’ a lavorare e si fermano, nonostante l’irrigazione. Sono come stordite dal caldo torrido” spiega Voltini, che segue una realta’ di oltre 4.500 ettari coltivati a pomodoro sui circa 6.000 della Lombardia (oltre 82 mila ettari in Italia). L’aria rovente sta facendo danni soprattutto nella zona fra Casalmaggiore e Cremona (dove la settimana scorsa si sono abbattute grandine, pioggia e a una tromba d’aria) e su mille ettari nei comuni mantovani di Poggio Rusco, al confine con Modena e di Sermide, a ridosso di Ferrara. Tra le varieta’ che stanno resistendo meglio c’e’ quella del superpomodoro italiano, non Ogm, ad alto contenuto di licopene (sostanza antiossidante e utile nella lotta ad alcuni tipi di tumore) coltivato per la prima volta proprio in Lombardia, fra Cremona e nel Mantova e che da settembre finira’ anche nelle salse Pomi’, Pomito e Pais prodotte nello stabilimento di Rivarolo del Re del Consorzio Casalasco. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.