Il clima e la crisi accorciano gli alberi di Natale.

La crisi, ma non solo lei, pesa anche sugli alberi di natale. E non tanto sulla quantità degli acqusiti, quanto sulla lunghezza. A dirlo è Coldiretti precisando però che ad accorcaire gli alberi contribuiscono anche i cambiamenti climatici e lo spazio disponibile nelle case. Fatto sta rispetto a 10 anni fa la media degli abeti venduti è più corta di 30 centimetri
Nonostante le cime più corte, gli italiani spenderanno comunque circa 140 milioni di euro per acquistare oltre 6 milioni di alberi veri. E’ la versione naturale infatti a vincere ancora la sfida con quella in plastica. Una scelta quella dell’albero che, sempre secondo Coldiretti, è molto più ecologica perchè per produrre abeti in plastica si consuma petrolio si producono gas serra e soprattutto hanno una resistenza di ‘vita’ di oltre 200 anni. L’albero naturale invece, sottolinea Coldiretti, è prodotto in terreni marginali altrimenti destinati all’abbandono, contribuisce a migliorare l’assetto idrogeologico delle colline e a combattere le frane e gli incendi e inoltre dà lavoro a circa 10 mila persone in un migliaio di aziende, prevalentemente in Toscana e in Veneto. Quest’anno però, le piante di importazione dall’Europa centrale e settentrionale supereranno la produzione nazionale a causa del preoccupante abbandono dell’attività di coltivazione da parte di molti produttori nazionali che non riescono a competere con i prodotti di bassa qualità e basso costo che arrivano da oltre confine.
Per quanto riguiarda i prezzi per un un albero vero si va dai 10 ai 30 euro per i formati più ridotti ma si può arrivare a spendere fino a 500 euro per le piante di grandi dimensioni. Cifre stabili rispetto al 2010 che dipendono, oltre che dall’altezza delle piante, dalla presenza o meno del vaso. Infine le regole d’oro per un acquisto consapevole e per non danneggiare la pianta: controllo dell’etichetta che garantisce la qualità ambientale e la salute della pianta, meglio poi comprare l’albero con qualche giorno di anticipo per dargli modo di adattarsi al nuovo ambiente; non pretendere la simmetria e la perfezione delle fronde impossibile in natura; sistemare la pianta in un luogo fresco e luminoso; evitare addobbi pesanti, neve sintetica e spray colorati e mantenere la terra umida ma non troppo bagnata.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.